La Cina mette alla prova missili a 10 testate di terza generazione che colpiscono gli Stati Uniti (video)

Domenica l'Esercito popolare di liberazione della Cina ha lanciato con successo un missile balistico intercontinentale di terza generazione a lungo raggio.

Il missile JL-3 è stato lanciato nella baia di Bohai, vicino alla penisola di Shandong, sulla costa nord-occidentale del paese, secondo il blog americano sulla difesa.

Il JL-3 è un missile intercontinentale di terza generazione con una portata da 10.000 a 14.000 km ed è in grado di trasportare fino a 10 testate indipendenti. La distanza tra il gigante asiatico e gli Stati Uniti è di 11.721 km verso l'Europa e 7400 km dal confine nordcoreano.

Quest'arma è progettata per essere installata su sottomarini nucleari di tipo 096 che entreranno in servizio nella Marina cinese alla fine del prossimo decennio.

Il proiettile JL o Julang – che si traduce dal cinese come "grande onda" – fa parte della strategia dell'Esercito popolare di liberazione della Cina volto ad estendere le sue capacità di deterrenza nucleare.

In precedenza, l'amministrazione della sicurezza marittima della provincia di Liaoning aveva emesso un avvertimento che l'area della baia di Bohai era chiusa alla navigazione a causa di un addestramento militare nel Mar Cinese Meridionale.

Secondo l'istituzione, gli esercizi si terranno domenica e mezzogiorno in una zona vicina ai possedimenti cinesi nelle isole Paracelso.

D'altro canto, il ministro della Difesa cinese Wei Fenghe ha fortemente criticato le attività statunitensi in aree che la Cina considera sotto la propria sovranità, in particolare vicino all'isola autonoma di Taiwan, la cui sovranità rivendica Pechino e afferma che tali azioni rafforzano l'agenda separatista cinese. isola.

Wei ha insistito sul fatto che il paese asiatico è disposto a "lottare fino alla fine e ad ogni costo" per proteggere i suoi interessi nazionali. Ha avvertito che non daranno "un pollice" della loro "terra santa" e che l'Esercito popolare di liberazione cinese (PLA) serve "esclusivamente per scopi di autodifesa", quindi attaccherà solo se attaccato.

Lo scorso maggio, i cacciatorpediniere statunitensi hanno navigato due volte nell'area, che Pechino ha descritto come "atti provocatori". La Cina insiste sul fatto che le navi da guerra di altri paesi chiedano l'autorizzazione e ne informino le autorità prima di transitare nelle sue acque territoriali.

Testo: Hispan

Facebook Comments Box

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.