Gesù era un alieno?

L'origine extraterrestre di Cristo, come suggerito in parti della Bibbia, sarebbe nascosta per evitare di distruggere le antiche religioni del pianeta. È scritto nella Bibbia: Gesù Cristo era un ET. Almeno così le Scritture interpretano i sostenitori della teoria secondo cui Gesù venne sul nostro pianeta su un disco volante, prese forma umana e diffuse conoscenza aliena in Medio Oriente.

I leader religiosi nascondevano la verità per non distruggere le religioni della terra. La stella di Betlemme, che guidava i saggi alla mangiatoia di Gesù, sarebbe stata un'astronave, perché si muoveva in modo intelligente, seguendo il viaggio dei nobili. L'apparizione della Vergine Maria nella città di Fatima, in Portogallo, sarebbe una manifestazione UFO, un robot a forma femminile controllato da un UFO. Gesù stava sudando gocce di sangue a causa delle caratteristiche somatiche e psicosomatiche del suo corpo umano. L'uomo di Nazareth non era un dio, ma un maestro ascendente alieno che si incarnava di assumere uno standard fisico più accettabile per gli umani.

Gesù tornerà, ma non nel Giudizio Universale. Scenderà sulla terra su un'astronave, ovviamente. È interessante notare, tuttavia, che non c'è compassione in questo Christ ET. Chiunque non risponda alle sue parole sarà spazzato via dal pianeta. La natura extraterrestre del messia può essere dimostrata da altri segni, sostengono i sostenitori della teoria. L'angelo Gabriele visto da Maria sarebbe un astronauta dall'alto di un'astronave, nascosto dall'intensità del bagliore delle luci. Fu un ET che annunciò la gravidanza alla Vergine, invocando il nome di Dio per giustificare il suo esperimento medico.

Il concepimento fu in realtà realizzato da una proiezione di sperma attraverso la luce emessa dall'UFO. C'è ancora una dose di misticismo nascosto in questo cosiddetto razionalismo scientifico: Gesù era "il corpo biologico di un'entità spirituale cosmica". La maggior parte non ha dubbi sul fatto che anche Giovanni Battista, cugino di Gesù, fosse un alieno, in quanto alcune interpretazioni dei Vangeli affermano che era stato "portato in cielo all'interno di un oggetto volante". L'intera stirpe di personaggi biblici, dalla Genesi all'Apocalisse, sarebbe costituita da astronauti di altre galassie: i messaggi criptati della Bibbia, pieni di figure retoriche, danno effettivamente origine a varie interpretazioni.

È scritto nella Bibbia: Gesù Cristo era un ET. Almeno così le Scritture interpretano i sostenitori della teoria secondo cui Gesù venne sul nostro pianeta su un disco volante, prese forma umana e diffuse conoscenza aliena in Medio Oriente. I leader religiosi nascondevano la verità per non distruggere le religioni della terra.

Ma la trama ha vinto un nemico nel 2003. Il vescovo Fernando Pugliese, vescovo della Chiesa cattolica apostolica brasiliana, ha affermato di credere nell'origine extraterrestre di Cristo. Pronto. Un religioso ha accettato la tesi dello scrittore Erich von Däniken nel libro Were the Astronaut Gods ?: Le divinità venivano dallo spazio.

Laureato in filosofia all'Università Gregoriana di Roma, in Italia, l'arcivescovo Pugliese studia i messaggi nascosti nella Bibbia. Ha una sua interpretazione per gli insegnamenti cristiani. La stella di Betlemme, che guidava i saggi alla mangiatoia di Gesù, sarebbe stata un'astronave, perché si muoveva in modo intelligente, seguendo il viaggio dei nobili. L'apparizione della Vergine Maria nella città di Fatima, in Portogallo, sarebbe una manifestazione UFO, un robot a forma femminile controllato da un UFO. Gesù stava sudando gocce di sangue a causa delle caratteristiche somatiche e psicosomatiche del suo corpo umano.

Nel cristianesimo, la Pasqua segna la miracolosa risurrezione di Gesù Cristo. Tuttavia, secondo una controversa teoria, i suoi poteri divini in realtà rappresentano la prova che Gesù era alieno.

Secondo l'edizione Express, dagli anni '60 ci sono stati tentativi di conciliare gli insegnamenti religiosi tradizionali con la nostra crescente comprensione dell'universo e l'interrogazione delle implicazioni per la storia umana se non fossimo soli.

L'Ufologo Barry Downing è una delle tante persone che credono che gli alieni abbiano visitato la Terra e influenzato la nostra storia e le nostre religioni.

Sostiene che gli eventi divini descritti nella Bibbia sono, in effetti, prove di tecnologie extraterrestri interpretate dai primi esseri umani.

A Downing, Gesù Cristo era in realtà un alieno. Secondo lui, diversi episodi della Bibbia sono simili alle moderne descrizioni dei testimoni UFO.

L'aspetto negativo indica l'evidenza di attività extraterrestri nel Nuovo Testamento Matteo Vangelo, che racconta di una creatura discesa dal cielo per annunciare al saggio l'avvicinarsi della nascita di Gesù. Suggerì che la stella che guidava i saggi nella stalla in cui nacque Gesù sarebbe stata un UFO che guidava gli uomini telepaticamente. che Gesù era un ibrido di alieno e umano.

Downing crede che Gesù sia stato in grado di risorgere attraverso l'uso del suo potere alieno avanzato, non divino, e la sua ascensione potrebbe essere considerata come il ritorno sul suo pianeta.

La stessa Bibbia è la prova che Gesù era extraterrestre
La teoria secondo cui Gesù Cristo potrebbe essere stata un'entità extraterrestre è recente, ma il documento principale che attesta questa possibilità è piuttosto antico. Non è chiaro chi abbia iniziato a diffonderlo, ma la sua diffusione coincide con lo studio di vari eventi UFO dalla prima era moderna del disco volante, come il caso Roswell, il più noto di tutti. Accaduto nel 1947, l'episodio è un classico dell'Ufologia mondiale e comporta lo schianto di una nave e il suo recupero, insieme al suo equipaggio morto, dall'allora Air Force dell'esercito american[Na ocasião as duas armas eram uma só unidade]o. Come sappiamo, fu da questo evento che l'essere umano iniziò a vedere come reale la possibilità di non essere solo nell'universo – e iniziò immediatamente la politica di nascondere questa realtà.

Da quel momento in poi, con la diffusione di informazioni che dimostrano l'esistenza di una vita extraterrestre e persino un contatto diretto tra alieni e umani, è iniziata l'ipotesi che fatti straordinari citati nella Bibbia possano essere effettivamente riferiti solo a passaggi Ricorrenze UFO. Ma il libro più venduto al mondo è solo uno dei molti documenti UFO antichi. In vari vangeli, considerati apocrifi dalla Chiesa cattolica – e di conseguenza dalle altre chiese cristiane – ci sono vari tipi di descrizioni di contatto immediato con navi e persino esseri, così come in altri libri sacri, come il Corano, la Torà, il Libro. degli spiriti, Il libro dei Veda ecc[Veja edições UFO 089 e 162, agora disponíveis na íntegra em ufo.com.br].

I passaggi che descrivono i fatti sugli UFO, tuttavia, finirono per essere interpretati come fenomeni soprannaturali, poiché all'epoca erano testimoni che le persone non avevano conoscenza della vita extraterrestre, dell'esistenza di altre specie cosmiche, per non parlare dell'azione. qui sulla Terra di intelligenze più avanzate – ecco di cosa parla l'Ufologia. Queste esperienze religiose hanno quindi portato alla nascita di innumerevoli religioni e una forza maggiore che governa l'umanità – che esiste, ma non come è descritta. Tuttavia, nel confrontare tali fatti soprannaturali con i tipici fenomeni UFO, ci rendiamo chiaramente conto che sono gli stessi eventi.

I libri sacri che hanno costituito la base dell'umanità si sono rivelati travisare i fatti che descrivono, a causa, tra l'altro, delle varie traduzioni e copie che hanno subito – secondo la convenienza dei detentori della conoscenza di ogni epoca, come sacerdoti e pastori, sempre desiderosi di determinare un'interpretazione che si adatta meglio a loro. Questo processo ha causato, nel corso dei secoli, l'interpretazione errata di fenomeni che presentano una chiara realtà ufologica, da semplici avvistamenti di navi a rapimenti alieni, interpretati come apparizioni di angeli e miracoli. Da questo punto di vista, la Bibbia non è altro che un documento storico contenente fenomeni UFO sia nell'Antico che nel Nuovo Testamento. Questi includono i momenti principali della vita di Gesù Cristo, la sua nascita, il battesimo, la morte e la risurrezione.

Un'analisi imparziale di numerosi riferimenti biblici porta alla conclusione che Gesù Cristo era un extraterrestre e che la Bibbia può essere considerata un documento UFO che dimostra l'azione millenaria di altre specie cosmiche sulla terra.

Certo, l'origine extraterrestre di Gesù non sarà mai pienamente dimostrata, poiché la certezza di ciò che è descritto nella Bibbia è discutibile. Il suo passaggio su questo pianeta è realmente avvenuto come narrato dagli apostoli? Vi sono prove che la verità non verrà facilmente fuori. Considera, ad esempio, come per secoli alcuni uomini abbiano modificato vari passaggi biblici, come l'imperatore Costantino. Egli, vedendo nel cristianesimo un modo per rafforzare il suo potere in quel momento, decise di modificare alcuni testi e persino di crearne alcuni con l'aiuto dei suoi scribi.

IL CONTATTO IMMEDIATO DI ELIAS

Anche con tale travisamento, qualcosa viene salvato. Ad esempio, uno dei passaggi UFO più famosi della Bibbia è il rapimento del profeta Elia, portato in cielo da un carro di fuoco. Gli artisti cristiani hanno descritto questa esperienza alla lettera, cioè hanno attirato Elia in sella a una vera carrozza trainata da cavalli che portava al firmamento. E poiché un'immagine vale più di mille parole, questi disegni sono rimasti nella mente subconscia umana, così che quando leggiamo un tale passaggio, ricordiamo quell'immagine ritratta – e non come deve essere realmente accaduta. Ma prima di essere rapito, Elia interpretò una scena quasi identica a quella di Mosè quando aprì il Mar Rosso perché lui e il suo popolo passassero, come possiamo leggere in 2 Re 2: 8: “Allora Elia prese la sua veste, si avvolse. Ha colpito le acque, che si sono divise su entrambi i lati. Ed entrambi si sono asciugati. "

Si può vedere qui che la divisione delle acque era comune tra i protetti di Dio, Mosè e in seguito Elia. Nel caso di Mosè, alcuni storici del nostro tempo cercano di spiegare il fenomeno sostenendo che ci sarebbe un posto particolare nel Mar Rosso dove, in un momento dell'anno, la marea cala in modo significativo e quindi puoi semplicemente passeggiare. Altri hanno cercato di spiegare il fenomeno con l'uso di un modello, giustificando che un vento di 100 km / h per più di 12 ore sarebbe stato in grado di spingere le acque e creare un passaggio per Mosè e il suo popolo da attraversare. Tuttavia, questi storici, nel tentativo di comprendere il fenomeno, hanno dimenticato di svelare la stessa cosa che è accaduta a Elias, solo nel fiume Giordano, che sfocia nel Mar Morto, e non sono così vicini.

MOSE ED ELIAS, MEZZI DI METEOROLOGISTI

Dalla descrizione e dall'interpretazione di entrambi i passaggi biblici basati sulle nostre attuali conoscenze, possiamo concludere che un'enorme nave ad alta potenza è stata in grado di separare le acque, permettendo il passaggio. Altrimenti dovremmo supporre che sia Mosè che Elia conoscessero l'ora e il luogo esatto in cui si sarebbero formate grandi raffiche, in grado di dividere le acque. Inoltre, oltre ai profeti, Mosè ed Elia erano eccellenti meteorologi e potevano prevedere qualcosa che nemmeno la nostra attrezzatura più moderna può oggi. Nel caso specifico di Elia, dopo l'evento che presumibilmente ha diviso le acque, ha avuto luogo il suo rapimento, rafforzando la tesi che era una nave che ha compiuto l'atto. A proposito di ciò possiamo leggere in 2 Re 2:11: “Mentre camminavano e parlavano, ecco, un carro di fuoco con cavalli di fuoco li separò l'uno dall'altro. Ed Elia salì al cielo in un turbine. "

CREDITO: TEMPI
Il gesuita José Gabriel Funes guida il Vaticano in un lungo processo di riconoscimento della vita extraterrestre intelligente
Il gesuita José Gabriel Funes guida il Vaticano in un lungo processo di riconoscimento della vita extraterrestre intelligente
Questo passaggio biblico, come descritto, chiarisce che si trattava di un disco volante che succhiava Elia, forse attraverso i raggi di trazione così comunemente descritti dai moderni rapiti[Veja edição UFO Especial 045, agora disponível na íntegra em ufo.com.br]. Se fosse stata una carrozza trainata da cavalli, come interpretato, il presunto veicolo sarebbe atterrato, Elia sarebbe salito a bordo e sarebbe volato in cielo. Ma non era quello che era successo: a un tale "carro" preferiva risucchiare Elia in un turbine. Inoltre, come si può immaginare che Dio, che ha così tanti poteri, avrebbe bisogno di un carro per portare il profeta in paradiso? Bene, uno schiocco di dita …

IL TELEPORTAGGIO NON È UN PROBLEMA

Un altro caso evidente di avvistamento UFO nella Bibbia è riportato nel primo libro del profeta Ezechiele. In esso, l'intero capitolo di apertura è una descrizione dettagliata degli eventi legati alla manifestazione sulla Terra di altre specie cosmiche. Possiamo iniziare da Ezechiele 1: 1 come si legge: “È successo nel trentesimo anno, il quinto giorno del quarto mese, che mentre ero in mezzo agli esiliati dal fiume Chebar, i cieli erano aperti e avevo visioni. di Dio ". Se Dio è onnipresente e onnipotente, come ci ha insegnato la Chiesa cattolica, non avrebbe bisogno di aprire i cieli per sorgere, poiché semplicemente sorgerebbe in qualsiasi circostanza. Ma questo non è ciò che il profeta aveva descritto in Ezechiele 1: 4: “Ho guardato, ed ecco, un vento tempestoso veniva da nord e una grande nuvola, con vortici di fuoco e luminosità attorno ad esso. In mezzo a questo, qualcosa di simile al metallo lucido, che esce dal fuoco. "

Questa è una descrizione ovvia di un disco volante, come migliaia che esistono nella letteratura sugli UFO – anzi, una descrizione così ricca e dettagliata che supera molti dei rapporti attuali sugli avvistamenti di UFO. Se davvero fosse Dio che è sorto nel mezzo di una grande nuvola di fuoco, come è nel passaggio originale, al suo interno non sarebbe necessario alcun metallo splendente. E ancora una volta, perché Dio avrebbe bisogno di un'entrata così trionfante? Il semplice fatto che apparisse dal nulla, come se fosse teletrasportato, renderebbe i testimoni ancora più incuriositi. E se è Dio, il teletrasporto non dovrebbe essere un problema …

CREDITO: FILIPPO DEI CASTELLI
I millenari documenti del Vaticano conterrebbero le vere informazioni sull'origine cosmica di Gesù Cristo
I millenari documenti del Vaticano conterrebbero le vere informazioni sull'origine cosmica di Gesù Cristo
Un'altra prova che il passaggio biblico si riferisce a un disco volante è in Ezechiele 1:17: "Mentre camminavano, potevano andare in quattro direzioni e non girare quando andavano". Quale ulteriore interpretazione possiamo dare a un oggetto volante? Certo, uno di natura aeronautica. E in questo caso, sappiamo che se l'oggetto osservato fosse un aeroplano, dovrebbe girare per volare dall'altra parte. Nel caso di un elicottero, potrebbe tornare senza girarsi, ma a quel tempo non c'erano elicotteri. Pertanto, né questa ipotesi né la tesi divina, la descrizione può rientrare solo nella categoria degli attuali rapporti sui dischi volanti, navi estremamente mobili che volano ovunque e che effettuano manovre inimmaginabili per i nostri attuali dispositivi di volo.

Angeli e dei o solo UFO ed ET?

Il passaggio seguente rafforza ulteriormente la spiegazione degli UFO. In Ezechiele 1:18 abbiamo questo, "i loro alberi a gomito erano alti e spaventosi. E su tutte e quattro le ruote erano pieni di occhi tutt'intorno. ” Gli occhi citati possono essere interpretati come le luci esistenti nei dischi volanti. Altrimenti, dovremmo supporre che Dio avrebbe diversi occhi, che è in conflitto con la nostra conoscenza di lui – se fossimo creati a sua immagine e somiglianza, allora dovremmo anche avere diversi occhi. Le curiosità continuano nel capitolo 3 del libro di Ezechiele, dove ci sono ancora più descrizioni degli UFO, rendendo il profeta uno dei personaggi biblici che hanno avuto il maggior contatto con Dio – o piuttosto con gli extraterrestri.

Dall'inizio dei tempi, angeli e dei – o altri esseri soprannaturali – hanno interagito con l'umanità, come riportato nei libri religiosi. Ma è interessante notare che questo è qualcosa che non si verifica più, poiché l'attuale comprensione ci consentirebbe di distinguere quale fenomeno si sta manifestando e quale sia il suo agente causale. Altrimenti, i numerosi casi di rapimento alieno già documentati dai ricercatori UFO in tutto il mondo sarebbero semplicemente narrazioni di persone che hanno contatti con angeli, dei o persino demoni. In alcune parti della Bibbia, ad esempio, è riportato che gli angeli assomigliavano molto agli umani, al punto che camminavano tra di noi e non suscitavano curiosità, come non era il caso degli arcangeli, esseri superiori.

Nella stessa Bibbia che tratta così a fondo con gli angeli, ci sono stranamente pochi passaggi sugli arcangeli – e il più famoso di essi è senza dubbio Metatron. Appare anche nella Kabbalah ed è descritto come "un angelo supremo ed estremamente potente" piuttosto che Michael. Ma la descrizione di Metatron non assomiglia a quella di un angelo convenzionale descritto nelle Scritture. Metatron era un essere con 72 ali, essendo 12 paia di sei e innumerevoli occhi. Questo oltre ad essere più alto di tutti gli angeli, con qualcosa di 2,5 e 4 m di altezza. Se non avessimo la protezione della conoscenza già raggiunta dall'Ufologia moderna, questa descrizione ci indurrebbe a pensare che fosse un mostro, non un arcangelo. Quindi la tesi più appropriata per spiegare la sua manifestazione è che il suddetto arcangelo non era altro che una nave con luci e artefatti simili ad ali. Proprio per questo motivo Metatron è descritto come "più potente degli angeli stessi e non potente come Dio".

Prestando attenzione alle descrizioni bibliche, scopriamo che gli angeli avevano il semplice ruolo di messaggeri tra i cieli e gli umani, mentre gli arcangeli erano navi, veicoli di trasporto. Ma non così potente e scintillante come Dio, che dovrebbe usare una nave molto più grande. Il punto è che se interpretiamo la Bibbia con la nostra attuale visione del mondo, è ragionevole supporre che sia Dio che gli angeli fossero entità extraterrestri che agivano sulle proprie navi. Questo spiega molte cose che prima non potevano essere comprese e che erano quindi considerate fenomeni soprannaturali. Dopotutto, tutto ciò che l'uomo non conosce abbastanza finisce in toni soprannaturali.

GESÙ UN EXTRATEREST

Finora sono stati citati solo brani dell'Antico Testamento, scritti secoli prima dell'avvento della nascita di Gesù Cristo. Tuttavia, anche il Nuovo Testamento contiene descrizioni del contatto immediato con navi aliene ed esseri extraterrestri, specialmente quando si tratta di Gesù. In effetti, i fatti ufologici che lo circondano accadono anche prima della sua nascita, con sua madre, Maria. Dalla tua gravidanza è stata notata una sequenza di eventi soprannaturali. La madre di Maria, di nome Ana, era sterile e anziana, sui suoi 80 anni quando fu visitata da un "angelo" che le disse che sarebbe rimasta incinta. Fu allora che gesticolò e diede alla luce Maria, che dopo essere cresciuta sposò Giuseppe, anch'egli anziano. Stava viaggiando quando un altro angelo apparve a sua moglie e gli disse anche che sarebbe stato incinta dello Spirito Santo.

Alla luce dell'ufologia moderna, con tali descrizioni possiamo supporre che Maria fosse davvero un essere ibrido e che da sua madre gli extraterrestri la prepararono a generare Gesù Cristo, il figlio di Dio – che, dopo tutto, non poteva essere concepito. in qualsiasi utero, ma in uno che avesse le condizioni adeguate, cioè quello di un ibrido che era precedentemente preparato e compatibile con ciò che avrebbe ricevuto. Altrimenti, Dio avrebbe scelto almeno una donna e non una nata da una gravidanza miracolosa. Allo stesso modo, possiamo supporre che Gesù sia stato inseminato artificialmente attraverso una procedura molto avanzata, qualcosa che non sarebbe stato possibile fino al secolo scorso, ma oggi è una procedura facilmente eseguibile. In caso contrario, come sarebbe rimasta incinta una vergine?

CREDITO: GILES RAIMBAURT
Gli ufologi che studiano la Bibbia sostengono che gran parte del fatto contenuto nella Bibbia può essere spiegato come l'azione di UFO e ET.
Gli ufologi che studiano la Bibbia sostengono che gran parte del fatto contenuto nella Bibbia può essere spiegato come l'azione di UFO e ET.
Andando un po 'più avanti nella storia, fino al momento della nascita di Gesù Cristo, abbiamo la prima descrizione UFO che lo circonda in Matteo 2: 9, che descrive l'azione dei Magi: “Dopo aver ascoltato il re, se ne andarono. Ed ecco, la stella che videro a est li precedette, finché, quando arrivarono, si fermarono su dove si trovava il ragazzo. I ricercatori di tutto il mondo cercano di spiegare questa scena come un'insolita congiunzione stellare, il presunto passaggio di una cometa o un pianeta e persino l'esplosione di una supernova. Il punto, tuttavia, è che nessuno di questi eventi potrebbe spiegare accuratamente questo passaggio. Il passaggio dice chiaramente che una stella ha preceduto i saggi e che si è fermata proprio dove Gesù era. Ora nessuna cometa può fermare la sua traiettoria e pianeti e supernovae non camminano nel cielo. Abbiamo bisogno di spiegazioni più ragionevoli.

TIAGO PROTOEVANGEL

Anche se le manovre descritte – la traversata e poi la fermata del cielo fossero avvenute – avrebbe avuto luogo, sarebbe una coincidenza per una cometa, un pianeta o una supernova eseguire la sua traiettoria appena sopra dove Gesù era nato. Tuttavia, se interpretiamo un tale passaggio da una prospettiva UFO, vediamo che la "stella" era semplicemente un artefatto come quelli descritti da così tanti testimoni, a volte sotto il nome di sonda UFO, a volte come disco volante o persino come foo-fighters of the Second. Grande guerra Inoltre, nel Vangelo di Giacomo si parla che Maria diede alla luce Gesù in una grotta che fu ombreggiata da una nuvola luminosa. Improvvisamente, la nuvola sarebbe uscita dalla caverna e al suo interno splendeva una luce così forte che gli occhi di Maria non potevano resistere. Nello stesso testo è descritta anche la scena della stella di Betlemme, ma come se fosse atterrato all'ingresso della grotta dove nacque Gesù.

Tali descrizioni, sia da un UFO che da qualsiasi altra prospettiva, escludono definitivamente comete, pianeti o supernovae e includono sicuramente anche il fenomeno UFO. È per questa ragione che Costantino scelse di lasciare fuori la Bibbia poiché conosciamo molti dei suoi libri originali? E perché, quando i fenomeni ufologici di oggi iniziano a diventare più frequenti, per coincidenza la Chiesa cattolica viene resa pubblica attraverso i suoi membri o le loro pubblicazioni per dire che in realtà esistono extraterrestri e sono nostri fratelli, come fece il gesuita nel 2008 Jose Gabriel Funes, astronomo ufficiale del Vaticano?[Veja edição UFO 143, agora disponível na íntegra em ufo.com.br] Se qualcuno avesse detto qualcosa di simile qualche secolo fa, sarebbe sicuramente morto a un falò della "Santa" Inquisizione.

GESÙ È STATO ANCORA ABITATO

Altri eventi UFO nella vita di Gesù Cristo coinvolgono anche il suo battesimo, come riportato in Marco 1:10: "Appena uscì dall'acqua, vide i cieli lacrimare e lo Spirito scendere come una colomba su di Lui". Qui una nave riceve la curiosa descrizione di una colomba, ma non può essere accettata per esserlo. Certamente, come nei casi precedenti, è un veicolo che strappa i cieli e fa luce su Gesù Cristo in modo che le persone intorno a lui sapessero che era il Messia. E proseguendo in Marco 1:11, "Poi venne una voce dal cielo, dicendo: Tu sei il mio diletto Figlio, in me sono molto contento". Sicuramente una tale voce proveniva dall'interno della nave attraverso una specie di altoparlante, qualcosa comunemente riportato in quel momento. Diversi profeti, anche prima di Gesù, ricevettero istruzioni attraverso questo strumento. Tutto molto ben progettato dagli alieni per far pensare agli umani di essere dei.

In questo stesso capitolo della Bibbia vediamo che anche Gesù fu rapito. È in Marco 1:12: "E immediatamente lo Spirito lo spinse nel deserto". Cioè, una nave lo ha portato in un'altra posizione. Più avanti c'è quella che viene convenzionalmente chiamata Trasfigurazione di Gesù, secondo Matteo 17: 2: “E fu trasfigurato davanti a loro. Il suo viso splendeva come il sole e le sue vesti diventavano bianche come la luce. La narrazione è di nuovo parallela alla letteratura sugli UFO, quando si deduce che una nave si librò e proiettò una delle sue potenti luci su Gesù, rendendola diversa nei suoi effetti. Più tardi, in Matteo 17: 3, vediamo: "Ed ecco, Mosè ed Elia apparvero loro, parlando con lui". Come già sappiamo che Elia era stato rapito in precedenza, si presume che ora fosse tornato sulla stessa nave, questa volta con Mosè. Alcuni diranno che Mosè morì e non fu preso, secondo il capitolo 34 del Deuteronomio, ma è necessario ricordare che nello stesso libro biblico, prima di menzionare che Mosè morì, Dio gli stava mostrando luoghi che potevano essere visti solo in alta quota, cioè dall'interno di una nave.

CREDITO: QUALSIASI GELOAN
Angeli, santi e persino demoni possono avere una spiegazione aliena
Angeli, santi e persino demoni possono avere una spiegazione aliena
Dopo ciò, disse che Dio seppellì Mosè in una valle, ma nessuno fino ad oggi sa dove si trova. Era stato preso con Elia e poi era tornato nell'episodio della trasfigurazione? Infine, l'ultimo episodio UFO della vita di Gesù si verifica, secondo la Bibbia, quando si alza. Questa è chiamata l'Ascensione di Gesù, e Luca 24:51 recita al riguardo: "Ebbe luogo, quando li benedisse, che si allontanò da loro e fu elevato in cielo". Anche in questo caso abbiamo un tipico caso di rapimento alieno, questa volta seguito da un messaggio che dice che Gesù tornerà com'era, cioè mediante un'astronave. Vedi anche in Atti 1:11: “E dissero loro: Galileani, perché guardate in alto? Questo Gesù, che è stato un argomento in mezzo a voi, verrà in paradiso quando l'avrete visto ascendere ”.

Infine, gli esempi biblici per la teoria secondo cui Gesù Cristo era un'entità di origine extraterrestre sono innumerevoli e avremmo bisogno di un libro per analizzare in profondità tutti i casi citati qui e simili, nonché per analizzare le altre descrizioni ufologiche che abbondano nella Bibbia e in altri libri sacri. Tuttavia, solo da questi esempi si può concludere che se Gesù non fosse un alieno, avrebbe potuto essere solo qualcuno che aveva avuto molti contatti con tali esseri fino a quando non fosse stato preso da loro – sebbene tale ipotesi non spiegasse i loro poteri di guarigione. e perfino della risurrezione, da lui e da altri, qualcosa che un normale essere umano non poteva fare. Infine, la caratterizzazione finale della Bibbia come documento che conferma che Gesù era un extraterrestre deriva dalla frase che egli stesso pronunciò: "Il mio regno non è di questo mondo".

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *