Gli scienziati ora credono che i buchi neri potrebbero essere portali per altre galassie

Nell'epico film di fantascienza del 2014 di Christopher Nolan Interstellar, un gruppo di scienziati lacerati che costituiscono i resti crollati della NASA schiudono un piano per salvare la Terra dal collasso ambientale alla ricerca di pianeti potenzialmente abitabili in una galassia lontana. Arrivano viaggiando attraverso un wormhole e usando la velocità gravitazionale della fionda di un enorme buco nero.

Sebbene sia stato un tema ricorrente nella fantascienza per decenni, un buco nero in sé non è mai stato considerato una forma fattibile di viaggi nello spazio perché gli scienziati hanno sempre creduto che le misteriose forze di marea all'interno dell'orizzonte degli eventi avrebbero spaghettificato e schiacciato tutto ciò che osava entrarvi .

Ma ora gli scienziati dicono che nuovi modelli di simulazione suggeriscono che un buco nero rotante, che contiene una singolare "singolarità dell'inflazione di massa", possa in realtà offrire un passaggio sicuro ad un'altra parte della galassia – o una galassia diversa del tutto.

Il team di fisici di UMass Dartmouth e Georgia Gwinnett College afferma che le loro simulazioni mostrano che la singolarità al centro di un grande buco nero rotante potrebbe effettivamente facilitare un passaggio "gentile" attraverso gli strappi nello spaziotempo.

Il fisico Gaurav Khanna, il suo collega Lior Burko, e la sua studentessa Caroline Mallary sono stati ispirati dal film Interstellar per testare se il suo personaggio centrale di nome Cooper, interpretato da Matthew McConaughey, potesse teoricamente sopravvivere alla discesa nel buco nero fittizio del film, Gargantua.

Mallary ha costruito una simulazione al computer per esplorare la fisica coinvolta e ha concluso:

"Gli effetti della singolarità nel contesto di un buco nero rotante comporterebbero un rapido aumento dei cicli di stretching e spremitura sulla navicella spaziale. Ma per i buchi neri molto grandi come Gargantua, la forza di questo effetto sarebbe molto piccola. Quindi, il veicolo spaziale e gli individui a bordo non lo rileverebbero. "

La speculazione scientifica riguardante le proprietà esotiche dei buchi neri è aumentata negli ultimi anni. Uno studio del 2016 ha esaminato la possibilità di buchi neri tridimensionali a forma di anelli che violano le leggi della fisica, inclusa la teoria della relatività generale di Einstein. Un altro articolo affermava che i buchi neri depositano la materia nel lontano futuro.

Realisticamente, probabilmente non sapremo nulla di sostanziale sulla logistica del viaggio delle stelle attraverso buchi neri nel corso della nostra vita. Gli umani stanno ancora cercando di visitare il pianeta più vicino nel nostro sistema solare e il buco nero più vicino, il Sagittario A * – che si nasconde a 27.000 anni luce al centro della Via Lattea – non è neanche lontanamente raggiungibile senza tecnologie di propulsione che sono decenni, se non secoli, dall'implementazione.

Tuttavia, nel corso della nostra vita potremmo imparare di più su come la gravità quantica agisce all'interno dei buchi neri, sostenuta da nuovi telescopi e metodi di ricerca avanzati, che potrebbero dirci se è fisicamente possibile viaggiare nell'iperspazio usando i buchi neri. E anche se non possiamo farlo, forse altri nell'universo possono farlo.

Di Jake Anderson | Creative Commons | TheMindUnleashed.com

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *