Gli archeologi potrebbero aver trovato la Chiesa degli Apostoli sul Mare di Galilea

In quella che potrebbe essere una delle scoperte più significative fatte finora dagli archeologi della regione, un gruppo in Israele potrebbe aver appena scoperto la Chiesa degli Apostoli sul Mare di Galilea.

Costruita sul luogo dell'antica casa dell'apostolo Paolo a Betsaida come un santuario per lui, la Chiesa degli Apostoli è stata descritta in precedenza solo dai romani e dal vescovo bavarese Willibald, che ha lasciato un resoconto dettagliato della chiesa e della sua posizione.

Fino ad ora, le uniche scoperte importanti nell'area oggi conosciuta come El-Araj sono state le terme romane, il che ha portato gli esperti a ritenere che la posizione fosse una parte dell'avamposto delle difese romane, ma non di Betsaida. Tuttavia, un gruppo di ricercatori guidati dal professor Mordechai Aviam del professor Kinneret Academic College e dal professor R. Steven Notley del Nyack College di New York, hanno recentemente scavato quella che credono fortemente sia una chiesa del periodo bizantino a 50 metri dal Mare di Galilea e dalla Giordania fiume che corrisponde alla posizione e alla descrizione della Chiesa degli Apostoli.

 

Il fiume Giordano e il mare di Galilea a cinquanta metri dal sito di scavo. Immagine via Facebook

Secondo Haaretz:

Finora sono state scavate solo le sale meridionali della chiesa. Ma la vista dall'alto della struttura supporta anche la teoria secondo cui questo luogo era una chiesa a causa dell'asse ovest-est e la divisione in una navata centrale con due navate … Gli archeologi hanno anche trovato frammenti di marmo dallo schermo del coro che avrebbero separò la congregazione dal sacerdote all'altare. Lo schermo di pietra era stato decorato con una ghirlanda floreale. Altre scoperte includevano pavimenti a mosaico, tegole caratteristiche dei grandi edifici e un frammento di un intaglio di gesso con una croce.

Un mosaico bizantino trovato durante gli scavi. Immagine via Facebook
Ancora un altro mosaico, che sono reperti comuni nei siti di antiche chiese. Immagine via Facebook

In effetti, le tessere di mosaico sono state un indizio vitale per identificare la struttura come una chiesa.

"Abbiamo scavato solo un terzo della chiesa, un po 'meno, ma abbiamo una chiesa e questo è certo", ha detto Aviam ad Agence France Presse. "Il piano è di una chiesa, le date sono bizantine, i pavimenti a mosaico sono tipici … schermi del coro, tutto ciò che è tipico di una chiesa."

"Quelli sono per mosaici murali e appaiono solo nelle chiese", ha spiegato Notley a Haaretz citando anche il racconto di Willibald. "È la tradizione storica che possediamo e non c'è motivo di metterlo in discussione", ha affermato.

I ricercatori che stanno scavando nel vicino sito di e-Tell non si sentono allo stesso modo. Credono di aver trovato Betsaida perché hanno trovato attrezzi da pesca, ancore di ferro e un tempio. Pietro era stato un pescatore prima di diventare apostolo di Gesù ed è considerato il primo papa della Chiesa cattolica.

Ma Notley e Aviam hanno anche trovato prove del fatto che El-Araj era un villaggio di pescatori e il loro sito ha il vantaggio di essere trovato nella posizione esatta in cui Willibald e altri hanno detto che sarebbe stato.

"Tra Cafarnao e Kursi c'è un solo posto in cui una chiesa è descritta dal visitatore nell'ottavo secolo e l'abbiamo scoperta, quindi questa è quella", ha detto Aviam. “Non sono state trovate altre chiese tra queste due città. Abbiamo un villaggio romano, nel villaggio abbiamo ceramiche, monete, anche vasi di pietra che sono tipici della vita ebraica del primo secolo, quindi ora rafforziamo il nostro suggerimento e l'identificazione che El-Araj è un candidato molto migliore per Bethsaida di e-Tell “.

Aviam ha anche sottolineato che gli archeologi hanno scavato all'e-Tell dal 1987 e devono ancora trovare davvero tante prove convincenti in tutto quel tempo di quanto il suo team abbia trovato da quando hanno iniziato a scavare a El-Araj solo due anni fa.

"È stato scavato negli ultimi 32 anni", ha detto. "Abbiamo iniziato a scavare due anni fa perché pensavamo che fosse il migliore e ora abbiamo le prove".

Notley è d'accordo, ma afferma che l'evidenza che dimostrerà al di là di ogni dubbio che El-Araj è Betsaida e che le rovine della chiesa che hanno trovato in realtà è la Chiesa degli Apostoli, sarebbe un'iscrizione, apparentemente comune nelle chiese costruite a il tempo. Osserva inoltre che il tempio trovato in e-Tell ha otto lati mentre la Chiesa degli Apostoli è descritta come una basilica, una grande sala oblunga o un edificio con doppi colonnati e un'abside semicircolare utilizzata dai romani e come chiese cristiane.

La base di una colonna nel sito, una caratteristica comune dell'architettura della basilica. Immagine via Facebook

La chiesa scoperta a El-Araj corrisponde a questa descrizione.

"Sarebbe normale trovare un'iscrizione in una chiesa del periodo bizantino, descrivendo nella memoria di cui è stata costruita, ad esempio", ha detto Notley. “Ora abbiamo una chiesa proprio dove i pellegrini dicono che era una chiesa. Le prime testimonianze sulla chiesa sopra la casa di Pietro la descrissero come una basilica. Un bizantino descriverebbe una struttura a otto lati come una basilica? Questa è una domanda che deve essere affrontata in modo più completo. I primi testimoni storici del sito di Betsaida sono tutti romani. Partiamo dal presupposto che faceva parte dell'espansione degli Asmonei in Galilea. "

Uno sguardo più da vicino al sito di scavo. Immagine via Facebook

Se Notley e Aviam hanno ragione, la loro scoperta sarà un punto di interesse spirituale per i cristiani di tutto il mondo.

Questa chiesa è un importante santuario di San Pietro e senza dubbio attirerebbe milioni di turisti ogni anno. Ma fino a quando non troveranno un'iscrizione per rimuovere tutti i dubbi, potranno solo fare affidamento su resoconti passati per fare le loro affermazioni, ma ciò non impedirà ai cristiani di avere fede che questa chiesa è la Chiesa degli Apostoli basata sulle prove attuali.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *