QUESTA È LA FACCIA DI CALPEIA, UNA DONNA DEL PERIODO NEOLITICO

Rievocazione estremamente dettagliata mostra come appariva il volto dei resti di questa donna ritrovati a Gibilterra.

Gli archeologi hanno ricostruito il volto di una donna del periodo neolitico di oltre 7.500 anni. Si ritiene che sia un individuo morto a Gibilterra tra i 30 ei 40 anni, soprannominato Calpeia.

È stato possibile estrarre segmenti del DNA di Calpea, che ha permesso un'analisi approfondita delle origini e della faccia del fossile nella vita. Con questo, dopo sei mesi di lavoro, abbiamo una ricostruzione della donna, dalle probabili origini turche.

"Ora sappiamo che era lei, dal momento che proviene dal Neolitico intorno al 5.400 a.C.", ha detto il professor Clive Finlayson del Museo Nazionale di Gibilterra. "Sappiamo che era una donna e aveva tratti associati a capelli scuri, occhi scuri".

A causa di una deformazione generata dagli anni della sepoltura, è stato necessario eseguire una copia digitalizzata del cranio per formulare la faccia ricostituita.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *