Le incredibili somiglianze tra i blocchi H di Puma Punku e le Piramidi del Sudan

Situato nelle colline desertiche del Nord Sudan troviamo una serie di enigmatiche piramidi che ricordano le loro controparti in Egitto. Tuttavia, a differenza delle maestose strutture erette in Egitto, le piramidi del Sudan sono rimaste inosservate per decenni.

A circa 200 chilometri dalla capitale del Sudan, Khartum, troviamo le misteriose piramidi di Meroe.

Il sito un tempo era la residenza principale per i sovrani del regno di Kush, più noto come Faraoni neri.

In loro onore, centinaia di strane piramidi furono erette nel Meroe dove un tempo esisteva un antico fiume seccato a lungo.

Le enigmatiche Piramidi del Sudan vanno dai 5 ai 30 metri di altezza. Secondo gli studiosi, furono costruiti tra il 7120 e il 300 a.C. e di solito erano rivolti a est per incontrare il sole nascente.

Secondo gli studiosi, le Piramidi di Meroe presentano elementi decorativi ispirati non solo dall'Egitto faraonico ma anche dall'antica Grecia e da Roma. Questo fatto rende le inestimabili reliquie antiche secondo l'UNESCO.

L'enigmatica, in miniatura, piramidi del Sudan presentava una somiglianza piuttosto curiosa, molto probabilmente casuale, con un altro sito antico situato a metà del mondo: il complesso archeologico di Puma Punku.

Puma Punku è un grande complesso di antichi templi che appartiene all'antico sito di Tiahuanaco in Bolivia.

Secondo gli esperti, il sito archeologico risale al 536 d.C. circa.

Meroe di miszka

Tradotto in "The Door of the Puma", il complesso Puma Punku è costituito da una corte occidentale senza mura, una spianata centrale senza pareti, un tumulo terrazzato terrazzato che è rivestito in pietra e una corte orientale murata.

Puma Punku presentava alcuni dei blocchi di pietra più impressionanti del Sud America.

La più grande delle pietre trovate nel sito è lunga 7,81 metri, larga 5,17 metri, mediamente 1,07 metri e si stima che pesa circa 131 tonnellate.

Resta ancora un enigma su come gli antichi costruttori di Puma Punku – e Tiahuanaco – siano riusciti a trasportare queste enormi pietre dalle loro cave.

Gli archeologi sostengono che il trasporto di queste pietre sia stato realizzato dalla grande forza lavoro dell'antica Tiwanaku.

Oltre alle pietre massicce, Puma Punku presenta pietre più piccole che sono diventate un importante oggetto di studio, grazie alle loro superfici incredibilmente lisce, ai tagli laser, agli angoli acuti e alle forme perfette.

Tuttavia, nonostante il fatto che Puma Punku abbia molto di cui parlare, ci concentriamo sulle pietre curiose e forse più notevoli del sito: i famosi H-Blocks.

Gli incredibili blocchi a forma di H trovati a Puma Punku si abbinano tutti con estrema precisione e si incastrano come blocchi Lego.

Credito d'immagine

È interessante notare che il modo in cui sono state assemblate le pareti di Puma Punku è scandalosamente bello. Ogni pietra è stata tagliata finemente per incastrarsi con le pietre circostanti permettendo ai suoi blocchi di incastrarsi come un puzzle, formando giunti portanti senza l'uso di malta.

Curiosamente, se confrontiamo le antiche piramidi del Sudan e i loro ingressi splendidamente progettati agli H-Blocks di Puma Punku, notiamo una strana somiglianza che non può passare inosservata.

Se c'è di più o meno in entrambi questi siti archeologici è un'altra storia. Tuttavia, abbiamo voluto sottolineare che almeno in termini di progettazione, entrambi i siti archeologici possono condividere una piccola somiglianza.

Cosa pensi?

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *