Lo scioglimento della Groenlandia è una prova imminente del riscaldamento e potrebbe portarci a termine molto prima che ce ne rendiamo conto.

Secondo il ricercatore, lo scioglimento raggiunge circa 2 miliardi di tonnellate di ghiaccio.

C'è abbastanza ghiaccio in Groenlandia per innalzare il livello del mare di 25 piedi in tutto il mondo. Ciò porrebbe fine alle principali città sulle piste.

E la NASA ha dimostrato che i ghiacciai si stanno sciogliendo oltre misura. Queste misurazioni vengono eseguite anno dopo anno mappando il ghiaccio con numerosi strumenti. La tecnologia attuale consente un livello estremo di dettagli scoraggiante.

Questa immagine è stata recentemente viralizzata. Ciò che sembra essere una divina passeggiata sul mare è semplicemente lo scioglimento insolito di migliaia di tonnellate di ghiaccio.

I ghiacciai della Groenlandia hanno un'altezza equivalente a sette metri sul livello del mare. Tuttavia, un nuovo studio, pubblicato mercoledì (19), con i dati della NASA, non esclude che si sciolgano completamente fino al prossimo millennio sotto l'effetto del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici.

"Prevediamo che la Groenlandia sarà probabilmente priva di ghiaccio entro la fine del millennio, a meno che non vi sia una riduzione significativa delle emissioni di gas serra", conclude il team guidato dai ricercatori dell'Università dell'Alaska Fairbanks in uno studio pubblicato da Science. Anticipi.

Il suo modello si aggiunge a molti altri che mostrano che i ghiacciai della Groenlandia si stanno sciogliendo ad una grande velocità dal 2000 e che il processo sta peggiorando. Per questo studio, gli scienziati hanno esplorato le misurazioni aeree della NASA (operazione IceBridge) dello spessore della calotta glaciale e hanno stimato le velocità dei ghiacciai e delle correnti di ghiaccio che si muovono a velocità variabili e fluiscono verso l'oceano.

I ricercatori producono stime secondo scenari più o meno drammatici di riscaldamento globale. Secondo gli scienziati, la Groenlandia potrebbe contribuire ad un aumento di 5-33 cm nelle acque globali entro il 2100. E nei prossimi 1.000 anni, nel peggiore dei casi, sarebbe tra 5,23 e 7,28 metri.

Fusione record in Groenlandia (Foto: Riproduzione Mashable / Steffen M. Olsen)

Se continuiamo a questo ritmo, la Groenlandia si scioglierà ", afferma Andy Aschwanden, professore presso l'Istituto di geofisica dell'Università dell'Alaska.

La preoccupazione per il riscaldamento globale non è una meraviglia. E un nuovo record spaventa i ricercatori di tutto il mondo: lo scioglimento del ghiaccio artico, in particolare nella regione della Groenlandia, dove ha la seconda calotta glaciale più grande del pianeta, che è salita al di sopra dei livelli previsti. Le informazioni sono state rilasciate dal ricercatore climatico dell'Istituto meteorologico danese Steffen Olsen, autore della foto che registra un grande lago su una superficie ghiacciata.

Il fatto è arrivato quando Olsen ha dovuto attraversare il ghiaccio allagato per recuperare le apparecchiature di monitoraggio degli oceani installate sul posto. Il ghiaccio marino sotto l'acqua del lago ha ancora uno spessore di circa 1,2 metri.

Secondo le informazioni diffuse da Mashable, le temperature sono aumentate in Groenlandia questa settimana, provocando lo scioglimento non solo del ghiaccio marino, ma del ghiaccio su quasi metà della superficie dell'isola. Con circa 2 miliardi di tonnellate di ghiaccio, questo è già considerato il più grande scioglimento della storia nella regione.

Un altro esperto in materia, Jeremy Mathis, un profondo esperto dell'Artico e attuale consigliere di amministrazione delle National Academies of Sciences, ha detto a Mashable che sta finendo gli aggettivi per descrivere la portata del cambiamento che stiamo vedendo. "Sto perdendo la capacità di comunicare la grandezza[da mudança]."

 

"Il fatto inesorabile è che l'aumento delle emissioni di gas a effetto serra (la combustione di combustibili fossili, il rilascio di gas metano nel bestiame, ecc.) Aumenta la temperatura dell'atmosfera e degli oceani e aumenta la fusione globale, accelerando l'ascesa del mondo. livello dell'oceano. Lo scioglimento totale dei poli e dei ghiacciai potrebbe causare l'innalzamento del livello del mare fino a 70 metri. Ma solo il 5% del disgelo sarebbe sufficiente per aumentare l'acqua di mare di oltre 3 metri, un fenomeno che può causare gravi danni ", scrive José Eustáquio Diniz Alves, dottore di ricerca in demografia e professore ordinario di master e dottorato in Popolazione, Territorio e Statistica. Pubblicazioni della National School of Statistical Sciences – ENCE / IBGE, in un articolo pubblicato da EcoDebate, 07-01-2019.

Ecco l'articolo.

I dati mostrano che all'inizio del 2019 i livelli di disgelo in Antartide stanno battendo tutti i record storici.

L'anno 2019 inizia con un disgelo record ai poli. Dopo cinque anni consecutivi (2014, 2015, 2016, 2017 e 2018) con temperature globali record, senza precedenti nell'Olocene (ultimi 12.000 anni), la deglaciazione sta aumentando e tende ad alzare il livello del mare e rilasciare L'anidride carbonica e il gas metano sono intrappolati sotto il ghiaccio, alimentando il fenomeno del riscaldamento globale.

L'andamento della perdita di ghiaccio è evidente negli ultimi 40 anni. Le curve nel grafico sopra hanno una distribuzione bimodale, mentre l'emisfero nord raggiunge il picco tra febbraio e marzo, quando l'emisfero meridionale si trova nella valle (minimo ghiaccio). Il picco di ghiaccio globale si verifica tra ottobre e novembre. Seguendo le curve annuali (tutte con questo stesso tipo di distribuzione bimodale), si nota che mostrano una tendenza al ribasso rispetto alla media 1981-2010, sebbene vi siano diverse fluttuazioni annuali a breve termine rispetto alla tendenza a lungo termine.

Tuttavia, è interessante notare che il modello di caduta del ghiaccio da settembre 2016 è stato senza pari negli ultimi 40 anni, quando sono iniziate le misurazioni satellitari. La curva del 2016 ha registrato un forte calo nell'ultimo trimestre dell'anno (da ottobre a dicembre) e ha continuato a battere i massimi record nei primi due mesi del 2017 e del 2018. Sebbene ci siano state variazioni mensili, il processo di scongelamento ha raggiunto livelli record alla fine del 2018 e all'inizio del 2019.

Lo scioglimento del ghiaccio marino si è verificato più ampiamente nell'Artico, ma è più preoccupante in Antartide, che ha grandi piattaforme ghiacciate sul continente. Nella media dell'Antartico 1981-2010, l'area congelata era di 7,19 milioni di km2 il 1 ° gennaio di ogni anno. Ma il 01/01/2019, l'area con ghiaccio era di 5,47 milioni di km2, una differenza di meno di 1,73 milioni di km2 (superiore all'intera area del nord-est del Brasile di 1,56 milioni di km2). km2). Seguendo questa tendenza, sembra che l'estate dell'emisfero meridionale ridurrà la quantità di ghiaccio marino al livello più basso dell'Olocene. Ciò potrebbe costituire una grande catastrofe ambientale in un futuro non troppo lontano.

La regione ghiacciata sull'acqua di mare protegge parzialmente il blocco di ghiaccio continentale antartico dal collasso e dalla caduta nel mare. Ad esempio, il tempo in cui il Ross Shelf non è protetto dal ghiaccio marino si è ampliato, e nel 2019 è accaduto prima: Capodanno. Il ghiaccio marino continuerà a diminuire durante gennaio e febbraio e potrebbe continuare a diminuire fino all'inizio di marzo. Questo provoca energia delle onde mentre si infiltra nel continente interno per causare fratture e stress sulle piattaforme che sono state congelate per millenni in Antartide.

Una volta iniziato il processo di fatturazione della piattaforma, sarebbe solo una questione di tempo prima che gli enormi ghiacciai terrestri dell'Antartico occidentale, come i ghiacciai Doomsday su Thwaites e Pine Island, crollassero, alzando il livello del mare fino a 3 metri e inondandone gran parte. da tutte le città costiere del pianeta. Sempre nell'Antartide orientale, i ricercatori hanno avvertito che il ghiacciaio Totten, un'enorme calotta glaciale con un volume sufficiente per alzare il livello del mare di almeno 3,5 metri, sembra ritirarsi, grazie al riscaldamento delle acque oceaniche. È stato recentemente scoperto che un gruppo di quattro ghiacciai a ovest di Totten, oltre a una manciata di ghiacciai più piccoli più a est, stanno perdendo ghiaccio.

Il livello del mare è già in aumento negli ultimi decenni e le aree costiere del Brasile sono sempre più colpite dall'avanzata del mare. Vi sono numerosi casi, come quelli verificatisi a Praia da Macumba, nella zona ovest di Rio, che perse parte del muro di contenimento posto dalla città e grandi sezioni del marciapiede collassarono con la forza delle onde; distruzione di diverse case a Baía da Traição, sulla costa del Paraíba; e all'inizio del 2019, diverse case sono state colpite sulla spiaggia di Barra de Cunhaú nel comune di Canguaretama, a 75 chilometri da Natal, dove 3000 abitanti sono stati minacciati di inondazioni e la città ha dichiarato un'emergenza.

Il fatto inesorabile è che l'aumento delle emissioni di gas a effetto serra (combustione di combustibili fossili, rilascio di gas metano nel bestiame, ecc.) Aumenta la temperatura dell'atmosfera e degli oceani e aumenta lo scongelamento globale, accelerando l'innalzamento del livello. degli oceani. Lo scioglimento totale dei poli e dei ghiacciai potrebbe causare l'innalzamento del livello del mare fino a 70 metri. Ma solo il 5% del disgelo sarebbe sufficiente a sollevare le acque marine di oltre 3 metri, un fenomeno che può causare gravi danni.

L'articolo di Paul Linhasen, pubblicato sulla rivista Science (21/12/2018), mostra che circa 125.000 anni fa, durante l'ultimo breve periodo caldo tra le ere glaciali, la Terra fu allagata, con acque che salivano dalle 6 alle 9 metri dallo standard attuale. Le temperature durante questo periodo (Eemian) erano leggermente più alte delle temperature attuali. La fonte di tutta l'acqua che gonfiava gli oceani era il crollo della calotta glaciale dell'Antartico occidentale. I glaciologi si preoccupano dell'attuale stabilità di questa formidabile massa di ghiaccio. La sua base è al di sotto del livello del mare, a rischio di essere danneggiata dal riscaldamento delle acque oceaniche, con ghiacciai sfrangiati che si ritirano rapidamente.

Da un campione prelevato da un nucleo di sedimenti, il documento fornisce la prova che la calotta glaciale è scomparsa nel recente passato geologico in condizioni meteorologiche simili. Il periodo Eemiano non è un analogo perfetto, poiché i suoi livelli del mare erano probabilmente guidati da piccoli cambiamenti nell'orbita e nell'asse di rotazione della Terra. Ma l'evidenza suggerisce che il recente scioglimento della calotta glaciale è l'inizio di un simile collasso piuttosto che una variazione a breve termine.

I dati del National Snow & Ice Data Center (NSIDC) mostrano che all'inizio del 2019 i livelli di disgelo in Antartide stanno battendo tutti i record storici. In base al principio di precauzione, l'umanità dovrebbe essere preoccupata per l'innalzamento del livello del mare. Ci sono circa due miliardi di persone che vivono al di sotto dei due metri del livello del mare nel mondo.

Se la storia dell'Eemian venisse ripetuta, le aree urbane coltivate e densamente popolate sarebbero sott'acqua, aumentando la probabilità di aumento della fame, della povertà, dei rifugiati climatici e persino di un collasso della civiltà.

riferimenti:

Tamsin Edwards. Quando arriverà l'apocalisse di ghiaccio? The Guardian, 23/11/2017

Eric Holthaus. Il ghiaccio marino antartico è "sorprendentemente basso" in questa stagione di scioglimento, Grist, 3 gennaio 2019

EarthSky. Altri ghiacciai dell'Antartide orientale si stanno svegliando, 4 gennaio 2019

NSIDC – National Snow & Ice Data Center / ArctischePinguin

Paul Carrosen. Il ghiaccio antartico si scioglie 125.000 anni fa offre avvertimenti, Scienza, Vol. 1339, 21 dic 2018, DOI: 10.1126 / science.362.6421.1339

Facebook Comments Box

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.