In questo giorno nello spazio! 28 aprile 2001: Il primo spazio turistico del mondo parte alla stazione spaziale

Benvenuti in "In questo giorno … nello spazio! ", dove guardiamo nei nostri archivi per trovare momenti storici nel volo spaziale e nell'astronomia. Goditi un tuffo nel passato con Hanneke Weitering di Space.com per guardare a quello che è successo in questo giorno nello spazio! Il 28 aprile 2001, il primo turista spaziale del mondo ha fatto un salto alla Stazione Spaziale Internazionale su una nave spaziale russa Soyuz. Il sessantenne uomo d'affari e multimilionario Dennis Tito ha finanziato il suo viaggio nello spazio, e gli è costato $ 20 milioni. Foto: I primi turisti dello spazio Tito ha firmato un accordo con una compagnia privata chiamata MirCorp per volare verso la stazione spaziale Mir della Russia. Quei piani fallirono quando la Russia annunciò che Mir avrebbe deorbitato nel marzo del 2001. Tito non ha impedito che andasse nello spazio. Poi ha fatto un accordo con un'altra compagnia chiamata Space Adventures per andare invece alla Stazione Spaziale Internazionale. L'uomo d'affari americano Dennis Tito, il primo turista spaziale orbitale del mondo, viene addestrato per il suo volo storico del 2001 alla Stazione Spaziale Internazionale. Tito è stato lanciato nell'aprile del 2001 a bordo di una nave spaziale russa Soyuz grazie a un accordo da 20 milioni di dollari, mediato dall'azienda spaziale Virginia Adventures. Credit: Space Adventures La NASA non era troppo contenta di avere ospiti nella stazione spaziale, ma i russi non avevano problemi a prendere i soldi di Tito e a lanciarlo nella loro navicella Soyuz insieme a due cosmonauti. Si incontrarono con l'equipaggio di Expedition 2 alla Stazione Spaziale Internazionale e vi rimasero per circa una settimana prima di ritornare in sicurezza sulla Terra. Scopri la nostra intera serie "On This Day In Space" su YouTube con la playlist qui.

Invia un'email a Hanneke Weitering all'indirizzo [email protected] o seguila @hannekescience. Seguici su @Spacedotcom, Facebook e Google+. 

Facebook Comments