Scienziati che tentano di aprire un portale per un universo parallelo

Un misterioso mondo speculare si nasconde nell'ombra della realtà percepita? Potrebbe spiegare molto.

Potrebbe essere il 2019 l'anno in cui gli umani apriranno il primo portale verso una dimensione oscura che rispecchia il nostro mondo?

Gli scienziati del Laboratorio Nazionale di Oak Ridge nel Tennessee orientale sperano di sì, e hanno completato l'attrezzatura da costruzione che devono testare quest'estate, il che ci consentirà di dare un primo sguardo a un universo parallelo che potrebbe essere identico in molti modi al nostro, con particelle speculari, specchio pianeti e forse anche specchio della vita.

Questo è secondo Leah Broussard, il fisico dietro al progetto, che ha descritto il tentativo di rivelare un mondo nascosto dell'ombra come "piuttosto stravagante" in un'intervista alla NBC la scorsa settimana.

La scoperta di un mondo a specchi nascosti potrebbe sembrare fantascienza della serie Stranger Things, ma è stata ripetutamente suggerita dai fisici come mezzo allettante per spiegare risultati anomali. Tuttavia, al momento, esiste una dura prova che tale reame si è rifiutato di manifestarsi.

Una serie di risultati anomali, e quelli che hanno ispirato la ricerca, risalgono agli anni '90, quando i fisici delle particelle misuravano il tempo impiegato dalle particelle di neutroni per scindersi in protoni una volta che erano stati rimossi dal nucleo di un atomo.

Due esperimenti separati hanno visto la rottura dei neutroni a velocità diverse, invece di decadere e diventare protoni esattamente alla stessa velocità, come previsto.

Quelle particelle sparate nella corrente dal reattore nucleare hanno vissuto in media per 14 minuti e 48 secondi – nove secondi in più rispetto a quelle delle trappole di bottiglia.

Può sembrare una piccola differenza, ma ha turbato gli scienziati.

Ma l'esistenza di un mondo speculare offre una spiegazione credibile: che ci sono due vite separate di neutroni, e potrebbe essere che circa l'1 per cento dei neutroni potrebbe attraversare la divisione tra la nostra realtà e il mondo dello specchio prima di attraversare indietro e poi emettere un protone rilevabile.

Il nuovo esperimento farà scoppiare un raggio di neutroni su un muro impenetrabile. Dall'altro lato del muro, verrà installato un rilevatore di neutroni, che normalmente non si prevede di rilevare.

Ma se il rilevatore registra la presenza di neutroni, la teoria è che potrebbero aver attraversato il muro "oscillando" nel mondo dello specchio – diventando neutroni speculari – e riapparendo in questo universo, e più specificamente nel laboratorio del Tennessee.

"Solo le persone che possono oscillare e poi tornare nel nostro universo possono essere scoperte", ha detto la Broussard al New Scientist a giugno.

Inoltre, il team installerà campi magnetici su entrambi i lati del muro, che possono modificare in forza. Si spera che determinati punti di forza possano aiutare l'oscillazione delle particelle.

Nonostante la teoria ordinata, la squadra sta minimizzando le possibilità di rivelare il gemello oscuro della realtà.

"Mi aspetto completamente di misurare lo zero", ha detto la signora Broussard in merito ai test iniziali.

Ma se rilevano un neutrone sul lato più lontano del muro, potrebbero avere profonde implicazioni.

"Se scopri qualcosa di nuovo in questo modo, il gioco cambia totalmente", ha detto la signora Broussard alla NBC.

L'esistenza di un mondo speculare potrebbe anche spiegare la mancanza del nostro isotopo Lithium 7, che secondo i fisici non corrisponde alle quantità che il Big Bang avrebbe creato.

La scoperta di raggi cosmici ad alta energia che provengono da oltre la nostra galassia potrebbe anche essere spiegata dall'esistenza del mondo dello specchio.

Sono troppo potenti per aver viaggiato solo attraverso l'universo osservato, ma se fossero oscillati nel regno dello specchio e poi di nuovo indietro, potrebbe spiegare perché è così.

Facebook Comments Box

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.