Brasile: enorme aumento della distruzione di Amazon sotto Bolsonaro, le cifre mostrano

La deforestazione nella parte del Brasile della foresta pluviale amazzonica è aumentata di oltre l'88% a giugno rispetto allo stesso mese di un anno fa, il secondo mese consecutivo di crescente distruzione delle foreste sotto il presidente di destra Jair Bolsonaro.

Secondo i dati dell'agenzia spaziale brasiliana, la deforestazione nella foresta pluviale tropicale più grande del mondo è stata di 920 kmq (355 miglia quadrate).

I dati che mostrano l'aumento della deforestazione dell'88,4% sono preliminari, ma indicano che il dato annuale ufficiale, basato su immagini più dettagliate e misurato per i 12 mesi fino alla fine di luglio, è sulla buona strada per superare la cifra dello scorso anno.

Nei primi 11 mesi, la deforestazione ha già raggiunto 4.565 kmq (1.762 miglia quadrate), un aumento del 15% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Gli ambientalisti hanno avvertito che il forte sostegno di Bolsonaro per lo sviluppo in Amazzonia e le critiche rivolte all'agenzia per il rispetto dell'ambiente da parte del paese per distribuire troppe multe incoraggerebbero i taglialegna e gli allevatori che cercano di trarre profitto dalla deforestazione.

"Bolsonaro ha aggravato la situazione", ha detto Paulo Barreto, ricercatore presso l'organizzazione non governativa brasiliana Imazon.

L'ondata di deforestazione arriva quando il Brasile affronta maggiori pressioni per proteggere il suo ambiente secondo i termini dell'accordo di libero scambio tra l'Unione Europea e il blocco sudamericano, Mercosur, che ha accettato la scorsa settimana.

La stagione delle piogge ad aprile è sembrata aver frenato un picco nella deforestazione che successivamente è arrivato con la stagione secca a partire da maggio.

La deforestazione è aumentata del 34% a maggio rispetto allo stesso mese di un anno fa.

L'ufficio di Bolsonaro ha rifiutato di commentare, dicendo che le domande sarebbero state affrontate dal ministero dell'ambiente. "Stiamo adottando tutte le misure per combattere la deforestazione illegale", ha affermato il ministro dell'ambiente, Ricardo Salles.

Il Brasile ospita il 60% dell'Amazzonia, che è la più grande foresta pluviale tropicale del mondo ed è considerata vitale per la lotta globale contro il cambiamento climatico.

Mentre il testo finale dell'accordo UE-Mercosur non è stato pubblicato, una bozza degli Stati dell'UE afferma che l'accordo prevede che l'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici debba essere attuato efficacemente insieme ad altri impegni per combattere la deforestazione.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, aveva avvertito la scorsa settimana, prima dell'accordo sul patto, che non avrebbe firmato l'accordo se il Brasile lasciasse l'accordo di Parigi.

Paulo Adario, uno stratega forestale di Greenpeace, ha detto che "tutte le indicazioni" sono che la deforestazione peggiorerà sotto Bolsonaro, ma spera che le notizie di un grande aumento farebbero pressione sul governo per agire.

"Quando hanno i numeri finali, se è davvero molto, questo sarà un incubo per Bolsonaro", ha detto Adario. "Questo è qualcosa che è davvero importante da un punto di vista internazionale e brasiliano perché l'Amazzonia è un'icona".

Con l'aggravarsi della crisi …

… nel nostro mondo naturale, ci rifiutiamo di allontanarci dalla catastrofe climatica e dall'estinzione delle specie. Per The Guardian, riferire sull'ambiente è una priorità. Diamo rapporti sul clima, sulla natura e sull'inquinamento l'importanza che merita, storie che spesso non vengono riportate da altri nei media. In questo momento cruciale per la nostra specie e il nostro pianeta, siamo determinati a informare i lettori su minacce, conseguenze e soluzioni basate su fatti scientifici, non pregiudizi politici o interessi commerciali.

Sempre più persone stanno leggendo e supportando il giornalismo investigativo indipendente di The Guardian che mai. E a differenza di molte organizzazioni di notizie, abbiamo scelto un approccio che ci consente di mantenere il nostro giornalismo accessibile a tutti, indipendentemente da dove vivono o cosa possono permettersi. Ma abbiamo bisogno del tuo supporto continuo per continuare a lavorare come facciamo noi.

The Guardian si cimenterà con le questioni più critiche del nostro tempo, dall'escalation della catastrofe climatica alla diffusa disuguaglianza per l'influenza della grande tecnologia sulle nostre vite. In un momento in cui le informazioni fattuali sono una necessità, crediamo che ognuno di noi, in tutto il mondo, meriti l'accesso a rapporti accurati con integrità al suo centro.

La nostra indipendenza editoriale significa che stabiliamo la nostra agenda e esprimiamo le nostre opinioni. Il giornalismo dei guardiani è libero da pregiudizi politici e commerciali e non è influenzato da proprietari o azionisti miliardari. Ciò significa che possiamo dare voce a coloro che sono meno ascoltati, esplorare dove altri si allontanano e sfidare rigorosamente chi è al potere.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *