L'India ha appena trovato il suo perduto Vikram Lander sulla Luna; Ancora nessun segnale

L'orbita lunare Chandrayaan-2 della Indian Space Research Organisation è mostrata mentre studia la superficie lunare dall'alto in questa immagine fissa da un'animazione video.
(Immagine: © India Space Research Organization)

L'orbita Chandrayaan-2 dell'India che circonda la luna ha individuato il lander Vikram perduto del paese sulla superficie lunare, ma non c'è ancora alcun segnale dal lander, secondo i media indiani.

K Sivan, capo dell'Indian Space Research Organisation, ha dichiarato oggi (8 settembre) che il lander Vikram è stato localizzato da Chandrayaan-2 e che gli sforzi per ripristinare il contatto con la sonda continueranno per almeno 14 giorni, secondo un rapporto del Times of India .

"Abbiamo trovato la posizione del Lander Vikram sulla s[the]uperficie lunare e Orbiter ha fatto clic su un'immagine termica del Lander", ha dichiarato Sivan al servizio stampa ANI in un'intervista, aggiungendo che sono in corso tentativi di comunicazione con il lander.

Il lander Vikram è rimasto in silenzio venerdì (6 settembre) mentre tentava un primo atterraggio in assoluto vicino al polo sud della luna. L'ISRO perse il contatto con Vikram quando il lander era a soli 2 km dalla superficie lunare, sollevando il timore che potesse essersi schiantato sulla luna. Il lander Vikram è il primo lander lunare dell'India e trasporta il primo rover lunare del paese, chiamato Pragyan.

I funzionari dell'ISRO non hanno ancora rilasciato l'immagine Chandrayaan-2 di Vikram sulla superficie lunare o descritto la potenziale condizione del lander. Ma hanno detto che nonostante il presunto atterraggio sulla luna fallito del lander, l'imbarcazione ha già dimostrato le tecnologie chiave per le future missioni.

"Il Vikram Lander ha seguito la traiettoria di discesa pianificata dalla sua orbita di 35 km (22 miglia) a poco meno di 2 km dalla superficie", hanno scritto i funzionari dell'ISRO in un aggiornamento sabato (7 settembre). "Tutti i sistemi e i sensori del Lander hanno funzionato in modo eccellente fino a questo punto e hanno dimostrato molte nuove tecnologie come la tecnologia di propulsione a spinta variabile utilizzata nel Lander."

Mentre l'ISRO cerca di riprendere i contatti con il lander lunare Vikram, l'astronave Chandrayaan-2 sta andando bene in orbita lunare, ha detto l'agenzia spaziale. In effetti, l'orbiter potrebbe durare ben oltre la sua missione prevista di un anno.

"La telecamera Orbiter è la telecamera con la più alta risoluzione (0,3 m) in qualsiasi missione lunare finora e fornirà immagini ad alta risoluzione che saranno immensamente utili per la comunità scientifica globale", hanno detto i funzionari ISRO nella dichiarazione del 7 settembre. "Il lancio preciso e la gestione delle missioni hanno assicurato una lunga vita di quasi 7 anni invece di un anno previsto".

L'orbita lunare Chandrayaan-2 della Indian Space Research Organisation è mostrata mentre studia la superficie lunare dall'alto in questa immagine fissa da un'animazione video.

(Credito immagine: India Space Research Organization)
L'orbita Chandrayaan-2 è dotata di otto diversi strumenti scientifici per studiare la luna dall'alto. Tali strumenti comprendono: una telecamera ad alta risoluzione, una telecamera lunare per la mappatura del terreno; un monitor a raggi X solare; uno spettrometro a infrarossi per imaging; un radar ad apertura sintetica a doppia frequenza per lo studio del ghiaccio d'acqua lunare e della mappatura lunare; un sensore per studiare la sottile esosfera della luna; e un esperimento di radiofrequenza a doppia frequenza per studiare la ionosfera della luna.

Chandrayaan-2 è la seconda missione dell'India sulla luna dopo la missione Chandrayaan-1 del 2008 e del 2009. Uno strumento in quella prima missione ha scoperto la firma spettrale per l'acqua attraverso ampie zone della luna, con grandi concentrazioni ai poli lunari, dove i crateri in ombra permanente consentono al ghiaccio d'acqua di rimanere congelato.

L'Orbiter Chandrayaan-2 mira a riprendere da dove era stato interrotto il suo predecessore.

"Questa era una missione unica che mirava a studiare non solo un'area della Luna ma tutte le aree che combinano l'esosfera, la superficie e la sottosuperficie della luna in un'unica missione", hanno detto i funzionari dell'ISRO nell'aggiornamento. "L'Orbiter è già stato posizionato nella sua orbita prevista attorno alla Luna e arricchirà la nostra comprensione dell'evoluzione e della mappatura della luna dei minerali e delle molecole d'acqua nelle Regioni polari, utilizzando i suoi otto strumenti scientifici all'avanguardia."

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *