Padre e figlio creano 51.000 colonie di alveari per salvare le api dall'estinzione

La popolazione mondiale di api e le loro colonie di alveari è diminuita anno dopo anno, ma un padre e suo figlio hanno fatto tutto il possibile per frenare questa tendenza.

Stuart e Cedar Anderson hanno trascorso dieci anni a studiare modi per raccogliere il miele senza disturbare le api. La soluzione era creare un "alveare del flusso".

L'invenzione riproduce perfettamente un alveare, non mette a rischio le api quando il miele viene raccolto ed è stato finanziato attraverso un gattino online.

Nel 2015, "Flow Hive" ha raccolto $ 12,2 milioni e è diventato la campagna di finanziamento collettivo di maggior successo nella storia di Internet.

Dopo 4 anni, l'alveare artificiale ha contribuito a creare più di 51.000 nuove colonie di alveari, aumentando il numero complessivo di colonie di api del 10%. Un punto di riferimento!

"Il tasso di avviamento per l'apicoltura è raddoppiato in appena un decennio", ha dichiarato Kim Flottum, direttore di Bee Culture.

Stuart e Cedar hanno inviato le colonie in 150 paesi diversi negli ultimi quattro anni. Con il declino delle popolazioni di api in tutto il mondo, la società ha anche deciso di donare parte dei suoi profitti ai gruppi di difesa delle api.

Molti dei problemi che le api attualmente affrontano sono causati da pesticidi e invasioni nei loro habitat naturali.

"Sappiamo che gli insetti nel loro complesso stanno diminuendo", dice Cedar Anderson. "Sappiamo che le api stanno combattendo. Sappiamo che il modo in cui gli esseri umani usano i pesticidi e come coltiviamo non è il migliore per i nostri impollinatori. Dobbiamo cambiarlo. "

Un'invenzione spettacolare, con uno scopo più del necessario!

Guarda il video:

Conosci il VOAA? VOAA significa gattino online con amore e affetto. Ed è uno dei motivi! Se c'è una storia triste, facciamo fatica a trasformarlo in un lieto fine. Vieni e aiutaci a cambiare le storie.

Fonte: Nazione / Foto: Riproduzione / Cultura delle api

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *