Il pianeta ha bisogno di 1,2 trilioni di nuovi alberi per contenere il riscaldamento globale secondo lo studio

Oltre a preservare le foreste esistenti, la soluzione migliore per ridurre drasticamente l'eccesso di anidride carbonica nell'atmosfera e contenere il riscaldamento globale è piantare alberi. In tutti i possibili spazi del pianeta che non sono né occupati da aree urbane, né destinati all'agricoltura.

Ciò significherebbe piantare 1.2 trilioni di nuove piantine, quattro volte più grandi del numero totale di alberi che vivono nella foresta pluviale amazzonica. Si stima che oggi ci siano circa 3 trilioni di alberi sul pianeta.

La massiccia messa a dimora di alberi in siti sottoutilizzati è il punto principale sostenuto dallo studio pubblicato in questo numero di venerdì (5/7) della rivista Science. "Possiamo tranquillamente dire che il rimboschimento è la soluzione più potente se vogliamo raggiungere il limite di 1,5 [de aquecimento global]gradi", afferma lo scienziato e ecologista britannico Thomas Crowther, professore presso il Dipartimento di Scienze Ambientali del Politecnico Federale di Zurigo, in Svizzera, e uno degli autori del lavoro accademico.

Il limite a cui fa riferimento è la preoccupazione centrale del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite, il cui rapporto è stato pubblicato l'anno scorso: limitare l'aumento del riscaldamento globale di 1,5 gradi Celsius entro il 2050.

Per condurre lo studio, il gruppo di ricercatori ha utilizzato un set di dati globali di osservazioni forestali e il software di mappatura di Google Earth Engine. Sono stati analizzati tutti i rivestimenti degli alberi nelle aree forestali della terra, dalle foreste equatoriali alla tundra artica. Complessivamente, 80.000 fotografie satellitari ad alta risoluzione sono passate attraverso il setaccio di scienziati. Con le immagini, si potrebbe aggiungere la copertura naturale di ciascun ecosistema.

Attraverso l'intelligenza artificiale, dieci variabili del suolo e del clima hanno contribuito a determinare il potenziale di rimboschimento di ciascun ecosistema, considerando le attuali condizioni ambientali e dando priorità alle aree con un'attività umana minima. Infine, i modelli climatici che proiettano i cambiamenti del pianeta fino al 2050 sono stati implementati nel software, in modo che il risultato fosse il più vicino al reale.

Ci sono attualmente 5,5 miliardi di ettari di foresta sul pianeta – secondo la definizione delle Nazioni Unite, cioè terre con almeno il 10% di copertura di alberi e nessuna attività umana. Ciò significa 2,8 miliardi di ettari con copertura di alberi a baldacchino.

 

Per raggiungere tale obiettivo, Crowther sostiene una campagna globale che coinvolge governi, organizzazioni e individui. Dopo tutto, la semina dovrebbe avvenire in tutti gli spazi relativamente inutilizzati, indipendentemente da chi è il proprietario del sito. "Sono regioni degradate in tutto il mondo dove gli umani hanno ripulito le foreste e oggi sono aree che non vengono utilizzate per altri scopi", dice. "Tuttavia, non sappiamo sulla proprietà della terra in tutte queste regioni. Identificare come incoraggiare le persone a ripristinare questi ecosistemi è la chiave per il rimboschimento globale ".

80 mila foto satellitari

 

 

Lo studio ha concluso che ci sono ancora 1,8 miliardi di ettari di terra sul pianeta in aree con un'attività umana molto bassa che potrebbe essere trasformata in foreste. In questo spazio potrebbero essere piantati 1.200 miliardi di piantine. "Man mano che questi alberi maturano e crescono, il numero di esemplari diminuisce. Quando raggiungiamo le foreste mature, gli alberi veramente enormi immagazzinano più carbonio e supportano molta biodiversità ", aggiunge Crowther. Ciò produrrebbe 900 milioni di ettari di cime degli alberi in più – un'area delle dimensioni degli Stati Uniti.

Le misure sono urgenti. "Sapevamo tutti che il ripristino delle foreste avrebbe potuto contribuire al clima, ma non avevamo ancora conoscenze scientifiche per misurarne l'impatto. Il nostro studio mostra chiaramente che la riforestazione è la soluzione migliore, con prove concrete che giustificano l'investimento ", afferma l'inglese. "Se agiamo ora. Ci vorranno decenni perché le nuove foreste maturino e raggiungano il loro potenziale. Allo stesso tempo, è fondamentale proteggere le foreste che esistono oggi e cercare altre soluzioni climatiche per ridurre i pericolosi cambiamenti climatici ".

"Il nostro studio fornisce un riferimento per un piano d'azione globale, che mostra dove possono essere ripristinate nuove foreste. L'azione è urgente. I governi dovrebbero ora incorporare questo nelle loro strategie per combattere i cambiamenti climatici ", avverte il geografo ed ecologista Jean-François Bastin.

Su richiesta del rapporto, Bastin ha stimato quanto tempo ci vorrà perché questa massiccia riforestazione inizi a implicare un freno al riscaldamento globale: 18 anni. "In questo modo sarebbe effettivamente utile rallentare il problema, ma allo stesso tempo dobbiamo cambiare il nostro modo di vivere sul pianeta al fine di neutralizzare le nostre emissioni di carbonio", aggiunge.

Secondo i ricercatori, oltre la metà del potenziale terrestre di riforestazione è concentrato in sei paesi, in questo ordine: la Russia, con 151 milioni di ettari disponibili; Stati Uniti (103 milioni); Canada (78 milioni); Australia (58 milioni), Brasile (50 milioni) e Cina (40 milioni).

Il lavoro ha anche mostrato l'impatto che il cambiamento climatico dovrebbe avere sulla configurazione delle foreste esistenti. Con il riscaldamento globale, è probabile che aumenti l'area delle foreste boreali in regioni come la Siberia. Tuttavia, la copertura media dell'albero in questo tipo di ecosistema è solo dal 30% al 40%. Nel caso delle foreste tropicali, che di solito coprono il 90% -100% di alberi, i cambiamenti climatici hanno avuto effetti devastanti.

Piantati

Crowther sottolinea che tutti possono contribuire a questo processo. "Mentre le azioni del governo sono essenziali per sfruttare al meglio l'opportunità, ci troviamo di fronte a una soluzione climatica in cui possiamo essere coinvolti tutti e ottenere un impatto tangibile", ha affermato. "Puoi coltivare alberi, donare alle organizzazioni di rimboschimento o almeno investire i tuoi soldi in modo responsabile in aziende che agiscono sul cambiamento climatico".

Presso il sito Crowther Lab, c'è uno strumento che consente all'utente di guardare ovunque sulla Terra e identificare le aree che possono essere riforestate.

"Difendiamo che chiunque possa essere coinvolto. Ma per farlo correttamente, devi capire le condizioni del terreno e i tipi di alberi che possono esistere in ogni regione ", dice lo scienziato. "Abbiamo quindi sviluppato uno strumento di mappatura, disponibile sul nostro sito, in cui chiunque può espandere la propria area e imparare quali tipi di alberi piantare e quanto carbonio possono catturare. Tale informazione ecologica è fondamentale. Facciamo riforestazione globale in modo efficace. "

Il Crowther Lab elenca anche le organizzazioni impegnate nella riforestazione e sostiene la creazione di una coalizione globale per rendere gli sforzi più efficienti.

rimbalzo

Lo studio è stato accolto con favore da esperti ambientali che hanno avuto accesso al materiale. "Infine, una valutazione precisa di quanta terra possiamo e dobbiamo coprire con gli alberi, senza interferire con la produzione di cibo o abitazione umana", dice la diplomatica Christiana Figueres, ex segretaria esecutiva della Convenzione sul clima dell'ONU. "È un modello per i governi e il settore privato".

"Ora abbiamo una prova definitiva delle potenziali aree di riforestazione dove potrebbero esistere e di quanta carbonio potrebbero immagazzinare", ha detto l'ingegnere civile René Castro, specialista in sviluppo sostenibile e direttore generale del Dipartimento di Clima, Biodiversità, Terra e Acqua della FAO, l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite.

"Le foreste sono uno dei nostri più grandi alleati nella lotta al cambiamento climatico, con risultati misurabili. La deforestazione non solo contribuisce ad una perdita allarmante di biodiversità, ma limita anche la nostra capacità di immagazzinare carbonio ", aggiunge.

L'ambientalista Will Baldwin-Cantello, capo consigliere forestale del World Wide Fund for Nature (WWF), sottolinea il ruolo delle foreste "contro i cambiamenti climatici". "Senza di loro, perderemo la lotta per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi", dice. "Ecco perché è fondamentale agire per ripristinare le foreste riducendo drasticamente le emissioni globali di carbonio".

Per lui, "la sfida è capire come possiamo accelerare questa implementazione", che richiede "livelli senza precedenti di cooperazione a livello globale e locale".

"Ci vuole solo volontà politica per combattere per il nostro mondo", conclude.

Via BBC

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *