"Mostro marino fossilizzato" trovato in Antartide è stato il più pesante del suo genere

A 15 tonnellate, il più grande mai scoperto elamosauro corrobora la teoria che la Terra ospitasse un vibrante

Un'illustrazione mostra un elasmosauro che nuota in acque turbolente. Il fossile antartico è ora l'animale più pesante mai conosciuto in questo gruppo di rettili marini preistorici.

Ci sono voluti decenni di resistenza alle intemperie su una piccola isola desolata nella Penisola Antartica. Ma ora gli scienziati hanno finalmente scoperto il più potente elasmossaur mai conosciuto, un rettile marino preistorico che abitava i mari del Cretaceo nello stesso periodo dei dinosauri. L'animale avrebbe pesato circa 15 tonnellate e ora è uno dei fossili di rettili preistorici più completi mai scoperti in Antartide.

Gli Elasmosauri formano una famiglia di plesiosauri, che rappresentano alcune delle più grandi creature del Cretaceo. I plesiosauri generalmente assomigliano a grandi lamantini, con colli di giraffa e teste appiattite, sebbene abbiano quattro pinne e non tre.

PLESIOSSAUROS 101
Conosci i rettili marini che dominavano la Terra in epoca preistorica.

Il team ritiene che i pesi massimi appena scoperti appartengano al genere Aristonectes, un gruppo le cui specie sono considerate distinte dagli altri elasmosauri, in quanto differiscono notevolmente dai fossili scoperti negli Stati Uniti. Questo genere, trovato nell'emisfero australe, è caratterizzato da collo corto e cranio grosso.

"È stato un mistero per molti anni. Non sapevamo se fossero elamossaurs o no ", dice José O'Gorman, un paleontologo del Consiglio Nazionale della Ricerca Scientifica e Tecnica dell'Argentina (Conicet), con sede al Museo La Plata, vicino a Buenos Aires. "Erano come strani plesiosauri che nessuno conosceva."

I ricercatori avevano bisogno di un campione più completo e, come è successo, William Zinsmeister della Purdue University aveva scoperto un possibile candidato sull'isola di Seymour – appena a sud della porzione settentrionale della penisola antartica – durante una spedizione nel 1989. Tuttavia, al momento, non aveva le risorse per scavare il fossile, ma informò i ricercatori in Argentina della scoperta.

Scavi glaciali

L'Istituto Antartico Argentino fu coinvolto e iniziò a scavare il fossile come parte delle sue spedizioni annuali di ricerca, ma il rettile gigante si stava rivelando in un ritmo glaciale a causa delle condizioni meteorologiche e della logistica.

O'Gorman, che aveva cinque anni quando fu scoperto il fossile, iniziò a partecipare a tali viaggi nel 2012. Era possibile lavorare solo poche settimane a gennaio e all'inizio di febbraio. In alcuni anni, non c'è stata attività di scavo a causa del tempo limitato e delle risorse limitate. Nei giorni di attività, il team doveva aspettare che il sole scongelasse il terreno prima che potesse scavare, e ogni pezzo rimosso doveva essere inviato in elicottero alla base di Marambio, una base argentina situata a poche miglia di distanza.

"Il clima è uno dei problemi. Il clima controlla tutto. Potrebbe essere possibile lavorare un giorno e l'altro non a causa di una tempesta di neve ", dice O'Gorman.

"Per cominciare, il processo richiede un po 'più di sforzo e logistica, senza contare che non è affatto normale imbattersi in un fossile di questo tipo", concorda Anne Schulp, paleontologa vertebrata all'Università di Utrecht nei Paesi Bassi e Naturalis Biodiversity Center, chi non ha partecipato al sondaggio.

Un colosso tra giganti

Lo scavo è finalmente terminato nel 2017, dopo aver estratto gran parte dello scheletro dell'animale, descritto da O'Gorman e dai suoi colleghi in un articolo pubblicato di recente sulla rivista scientifica Cretaceous Research.

"Non possiamo ottenere il cranio, ma abbiamo molti pezzi dell'animale", dice O'Gorman.

Stimano che l'elasmosauro, che non ha ancora un nome, pesa tra 11,8 e 14,8 tonnellate, ed era lungo 12 metri, dalla testa alla punta della coda. Mentre alcuni Aristonectes precedentemente scoperti pesavano circa 11 tonnellate, la maggior parte degli elasmosauri pesava solo cinque tonnellate.

"Questo ragazzo è enorme!" Disse Schulp guardando le foto delle ossa.

Crede che il lavoro sia stato ben fatto ed è contento che la squadra non abbia fretta di arrivare a nessuna conclusione – O'Gorman esita persino a dire se la specie sia anche del genere Aristonectes, poiché nuove prove possono specie in un genere diverso e totalmente nuovo.

L'ultima chiamata del Cretaceo

Schulp ha lavorato con alcuni plesiosauri nei Paesi Bassi, ma afferma che i rettili acquatici sono molto diversi nell'emisfero meridionale. Il nuovo esemplare è anche molto interessante perché è da un periodo vicino alla fine del periodo Cretaceo – solo 30.000 anni prima dell'evento di estinzione di massa che decimò i dinosauri terrestri circa 66 milioni di anni fa.

C'era probabilmente un sacco di vita marina in questo periodo per soddisfare la fame di una creatura così grande. Quindi il fatto che questi animali continuassero ad esistere fino alla fine del Cretaceo è un'ulteriore prova che almeno il mondo acquatico andava benissimo fino all'improvviso evento di estinzione di massa.

"Anche in Antartide, c'erano innumerevoli Susanmossaurs che vivevano felici", dice Schulp. La diversa morfologia della specie dimostra anche che c'era ancora la specializzazione in questa epoca tarda di plesiosauri. "È certamente un'indicazione che sono [os plesiossauros]stati in grado di aumentare il loro repertorio di cibo nel tardo Cretaceo", afferma Schulp.

Sebbene la dieta esatta dell'animale non possa essere conosciuta senza un contenuto di stomaco fossilizzato o altre prove, O'Gorman ritiene che probabilmente si sono nutriti di crostacei e pesci più piccoli poiché i loro denti sono piccoli.

Il lavoro sulle ossa scavate negli ultimi decenni è appena iniziato. Ora che i materiali sono in un museo, O'Gorman dice che ci sono molte altre ricerche che possono essere fatte su questo esemplare preistorico.

Schulp dice anche che il lavoro aumenta le conoscenze attuali sui plesiosauri ed è entusiasta di vedere i paleontologi argentini tornare a esplorare e trovare altri fossili.

"L'emisfero australe, almeno per quanto riguarda i plesiosauri, potrebbe certamente ricevere più attenzione", dice.

Per quanto riguarda O'Gorman, sembrava entusiasta di tutta l'esperienza: "Faceva molto freddo, ma era davvero bello. È stata un'avventura. "

Via National Geographic
Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *