Gli astronomi di tutto il mondo sono indignati dalla flotta di satelliti di SpaceX

I satelliti Starlink, progettati per fornire Internet all'intero pianeta, possono ostacolare drasticamente l'osservazione del cielo notturno

Immagina di guardare il cielo notturno e vedere un treno di satelliti che attraversa il cielo in formazione. Sembra fantastico! Ed è sicuramente un'esperienza del genere. Ora immagina non 60 di loro, ma 12.000. Aggiungi altre migliaia e il caos celeste si forma.


L'American Astronomical Society – l'organizzazione leader per gli astronomi americani – ha detto che stava parlando a SpaceX del lancio di 12.000 satelliti Starlink. Gli astronomi (non solo gli Stati Uniti e il mondo) temono che questi satelliti interferiscano con l'osservazione del cielo notturno.

Per coloro che non lo sapevano, il miliardario di SpaceX Elon Musk ha recentemente lanciato 60 satelliti per le comunicazioni, e in pochi giorni, gli spettatori del cielo hanno registrato "un treno di satelliti luminosi" volando sopra la testa. La sua struttura metallica riflette bene la luce del sole. Stiamo parlando solo di 60 satelliti, ma dobbiamo ricordare che l'intenzione di SpaceX è di metterne 12.000, che fornirebbero servizi Internet a tutto il mondo.

"Penso che sia un encomio encomiabile e molto impressionante per diffondere le informazioni e le opportunità offerte dall'accesso a Internet", ha dichiarato Megan Donahue della Michigan State University e presidente della American Astronomical Society. "Ma io, come molti astronomi, sono molto preoccupato per il futuro di questi nuovi brillanti satelliti.

Starlink Satelliti
Una veduta dei 60 satelliti Starlink spediti a maggio 2019, ancora allineati e con lo sfondo della Terra.
Crediti: SpaceX

Non solo i satelliti Starlink, ma sciami simili sviluppati da altre compagnie potrebbero in futuro diventare più visibili delle stelle nel cielo notturno, e questo è allarmante.

Un estratto di una dichiarazione rilasciata dall'AAS durante un incontro a St. Louis, nel Missouri, USA, recita come segue:

L'American Astronomical Society nota con preoccupazione l'imminente dispiegamento di grandi costellazioni satellitari nell'orbita terrestre. Si prevede che il numero di tali satelliti aumenterà fino a decine di migliaia nei prossimi anni, creando potenziale per notevoli effetti negativi sull'astronomia terrestre e spaziale. Questi impatti possono includere significative perturbazioni delle osservazioni ottiche e infrarosse attraverso il rilevamento diretto dei satelliti nella luce riflessa e emessa; contaminazione di osservazioni radioastronomiche mediante radiazione elettromagnetica in bande di comunicazione satellitare; e collisione con osservatori spaziali.

Jeffrey C. Hall, dell'Osservatorio Lowell, è presidente del comitato AAS sull'inquinamento luminoso, le interferenze radio e i detriti spaziali. Ha detto che "il cielo notturno naturale è una risorsa non solo per gli astronomi, ma per tutti coloro che alzano lo sguardo, per comprendere e apprezzare lo splendore dell'Universo, e il suo degrado ha molti impatti negativi oltre l'astronomico.

È importante ricordare che non solo i satelliti, ma anche l'inquinamento luminoso prodotto dall'illuminazione delle grandi città, sconvolgono (e molto) l'osservazione del cielo notturno.

Gruppo di galassie NGC 5353-4 e tracce di 25 satelliti Starlink
Gruppo di galassie NGC 5353/4 e tracce di 25 satelliti Starlink.
Record realizzato da Lowell Observatory, Arizona, USA.
Crediti: IAU / Victoria Girgis / Lowell Observatory

Con questo in mente, l'intera società dovrebbe ripensare il modo in cui usiamo la nostra tecnologia, dopotutto, il progresso scientifico senza un minimo di consapevolezza può significare una gigantesca regressione.

Infatti, se non viene intrapresa alcuna azione per ridurre le interferenze agli osservatori del cielo (e, naturalmente, a tutti quelli che guardano in alto), l'intera società perderà l'occasione di godersi le stelle.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *