Ci sono quasi 30.000 specie in via di estinzione

Lo studio ha prima superato la barriera di centomila specie di animali e piante valutate.

Più di 28.000 specie di animali e piante sono minacciate sulla Terra, secondo l'ultimo aggiornamento dell'IUCN Red List of Endangered Species (International Union for Conservation of Nature), che è la fonte più completa di informazioni sullo stato Conservazione globale della fauna e della flora sul pianeta.

Questo è il drammatico risultato della nuova Lista rossa delle specie minacciate che l'Unione internazionale per la conservazione della natura prepara
L'ultima edizione di questa Lista Rossa comprende 105.732 specie valutate, questa è la prima volta che questa cifra viene raggiunta e, di queste, 28.338 sono in pericolo di estinzione.

"Questo aggiornamento mostra chiaramente il numero di esseri umani in tutto il mondo che sfruttano eccessivamente la fauna selvatica", ha affermato Grethel Aguilar, direttore generale della IUCN.

Lo squalo angelo, il pesce chitarra e il raggio di rinoceronte sono già diventati i pesci marini più minacciati al mondo a causa della pesca eccessiva. Ad esempio, le pinne a strisce di rinoceronte sono molto richieste nei ristoranti asiatici per fare zuppe.

Primati in via di estinzione

Il bracconaggio e la distruzione dei loro habitat hanno causato sette specie di primati "sull'orlo dell'estinzione". In effetti, una scimmia che vive solo in Costa d'Avorio e Ghana ora ha una popolazione di meno di 2.000 individui.

Pesce di fiume

Nel frattempo, la nuova Lista rossa IUCN rivela che oltre la metà dei pesci d'acqua dolce del Giappone e oltre un terzo di quelli in Messico sono in via di estinzione, a causa dell'aumento dell'inquinamento agricolo e urbano.

"Le specie ittiche d'acqua dolce del mondo, per un totale di quasi 18.000, stanno vivendo un drammatico declino globale", ha affermato William Darwall, capo dell'unità IUCN di biodiversità per l'acqua dolce.

 Acque profonde

Inoltre, 500 specie di pesci che vivono nelle aree marine più profonde, come i pesci lanterna, sono appena entrati in questa lista rossa.

Queste specie possono vivere a più di 1.000 metri di profondità e alcune affrontano minacce come l'attività delle industrie della pesca o piattaforme di estrazione di petrolio e gas offshore.

Il prezzo della vita nel mercato nero

Questa sanguinosa impresa, che occupa la terza posizione del crimine organizzato in tutto il mondo, muove miliardi di euro all'anno che portano avanti la vita di molte specie. Solo tra il 2010 e il 2012, sono stati uccisi più di 100.000 elefanti, secondo i dati della ONG Save The Elephants, che potrebbe portare questa specie all'estinzione in meno di un decennio.

"È difficile sapere quali sono i prezzi nel mercato nero, ma possono raggiungere prezzi molto alti", afferma Teresa Gil, portavoce del programma Specie WWF. "Si stima che il traffico si muova tra gli 8.000 e i 20.000 milioni di euro all'anno e non abbia nulla da invidiare al traffico di droga o di armi. Sta portando all'estinzione centinaia di animali e piante ed è la seconda minaccia alla biodiversità, dopo la distruzione dell'habitat. "

Secondo il Wild Life Smuggling Observatory, Traffic, nel 2003 un chilo di avorio è stato valutato in 190 euro. Nel 2013 erano circa 2.500. Nel caso del rinoceronte, il suo corno è passato da un prezzo al chilo di 765 euro a oltre 62.000.

L'Asia e l'Africa, così come il Madagascar, l'Indonesia, le Filippine, il Brasile, la Papua Nuova Guinea, l'India e la Cina, sono le aree con le specie più endemiche a rischio di estinzione. Dal World Wildlife Crime Report avvertono della difficoltà di raccogliere e analizzare i dati sui sequestri, provenienti da luoghi diversi e trattati da autorità diverse.

Distribuzione delle popolazioni di rinoceronti africani nel 2015.

Ma le conseguenze del bracconaggio non sono sempre lontane dai nostri confini. La Spagna è diventata un luogo chiave grazie alla sua posizione geografica tra Africa, America Latina ed Europa. Migliaia di animali e oggetti di bracconaggio arrivano sulle nostre coste attraverso porti come Algeciras, Isole Canarie o Valencia. Secondo i dati del WWF, e sebbene si stima che solo la metà dei casi venga scoperta, tra il 2005 e il 2014 sono stati sequestrati 13.838 animali vivi nel nostro paese.

Oltre 8.000 specie a rischio

"I mammiferi terrestri stanno sperimentando un crollo massiccio delle dimensioni delle loro popolazioni e della loro distribuzione geografica in tutto il mondo", affermano gli autori dello studio. "L'incessante declino dei mammiferi suggerisce che molti dei servizi vitali ecologici e socioeconomici forniti da queste specie andranno persi, il che potrebbe cambiare irrevocabilmente gli ecosistemi".

La popolazione di elefanti è diminuita del 30% in sette anni, secondo il censimento del grande elefante condotto nel 2016. Ma i grandi mammiferi non sono i soli, la Lista rossa delle specie minacciate comprende 8.417 specie in via di estinzione. Tra i ranghi di quella lunga serie di animali, molti sono gravemente minacciati o già estinti dal bracconaggio che alimenta il traffico illegale di animali. L'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) avverte inoltre che pubblicherà almeno 15.000 nuove valutazioni nell'elenco durante tutto l'anno 2018.

Poiché i sequestri vengono spesso effettuati durante il trasporto di merci, sono stati raccolti numerosi dettagli sui dettagli e sui percorsi utilizzati dai trafficanti. Tuttavia, l'immensa diversità della merce, che va dai cavallucci marini sezionati ai bambini scimpanzé vivi, complica la loro raccolta e analisi.

Una regolamentazione diversa e tardiva

"I cambiamenti nelle normative, sia nazionali che internazionali, possono avere un impatto drammatico", affermano. "Di conseguenza, confermare le tendenze di ogni specie è complicato e possono essere visti chiaramente solo dove è documentato il bracconaggio su una specie con una popolazione piccola e localizzata, come il rinoceronte in Sudafrica."

Tra le principali cause causate dal bracconaggio ci sono l'ottenimento di carne, il commercio di animali domestici, l'uso di parti del loro corpo come medicinali o come uso ornamentale. I bracconieri annichiliscono lentamente ogni specie che inseguono, quindi il 98% delle vittime di questo massacro ha una popolazione in declino.

Proporzione di corpi di elefanti africani rilevati che sono stati uccisi illegalmente.

Sebbene sia il traffico di animali selvatici che il bracconaggio abbiano aumentato negli ultimi anni l'attenzione e la consapevolezza di cui hanno bisogno a causa della loro gravità, la curva della popolazione di molte specie continua a diminuire a un ritmo selvaggio.

La Convenzione sul commercio illegale delle specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES) è stata istituita per garantire la sopravvivenza della specie, ma l'imposizione di leggi più restrittive che impongono sanzioni più severe alla caccia e al traffico illegale di specie diventa un'imposizione. inevitabile cercare di contenere il ritmo vertiginoso di una minaccia che devasta il pianeta senza invertire.

Fonte: National Geographic, Convenzione sul commercio illegale di specie e flora selvatiche minacciate di estinzione (CITES), IUCN (Unione internazionale per la conservazione della natura).

Facebook Comments Box

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *